Tra contenimento e fughe, alcune riflessioni

Tratto da Macerie

Aggiornamento dal CPR di Torino – due settimane fa un gruppo di circa una ventina di ragazzi provenienti dalla Sicilia è stato trasferito in corso Brunelleschi. La maggior parte, principalmente di nazionalità tunisina e marocchina, è stata inserita nell’area blu. La rabbia e la disperazione di alcuni di loro ha avuto espressioni di autolesionismo, ci hanno raccontato di esser ricorsi a gesti estremi tentando di impiccarsi attraverso l’utilizzo di corde improvvisate e provocando l’intervento della celere all’interno dell’area. La settimana scorsa invece i giornali locali hanno riportato la notizia di disordini e di un tentativo di rivolta, la versione che promuovono le autorità racconta di un agente delle forze dell’ordine sia rimasto ferito “nel tentativo di riportare la calma e sedare gli animi”.

Continue reading Tra contenimento e fughe, alcune riflessioni

Ginevra – Kalvingrad Patriot capitola

Fonte: renverse.co – 2 settembre 2020            Giovedì 27 agosto abbiamo appreso sui social network l’autodissoluzione del gruppo neonazista “Kalvingrad Patriote” (KP). In un comunicato stampa KP ripercorre i 5 anni di “avventura” del gruppo e le ragioni del suo scioglimento.

KP sostiene di non voler più condurre la “guerra dei bottoni” contro “i figli degli antifascisti borghesi”. Tutto questo è abbastanza ironico per un gruppo che ha costruito tutta la sua identità sul culto della violenza e del virilismo. Il gruppo è responsabile di attacchi mirati e intimidazioni contro luoghi e persone. In realtà i fascisti non potevano affrontare le conseguenze delle loro provocazioni e delle pressioni antifasciste.

 

Continue reading Ginevra – Kalvingrad Patriot capitola

Giornalino Scirocco – secondo e terzo numero

SCIROCCO – Voci contro la società della quarantena

Luglio 2020 – Editoriale

Per leggere e scaricare il terzo numero del giornalino clicca qui:

Terzo Numero – Luglio

Dall’ultimo numero di Scirocco si è tanto parlato, giustamente, di quello che sta succedendo negli USA, la più grande ondata di conflitto sociale degli ultimi decenni in quel Paese.

Gli stessi giornalisti e commentatori che coprono o giustificano ogni schifezza delle polizie italiane, ci hanno spiegato che è normale e giusto ribellarsi di fronte alle ingiustizie di quella società.

Continue reading Giornalino Scirocco – secondo e terzo numero

Italia: Come la pandemia ha trasformato la vita dei lavoratori braccianti?

Fonte: enough is enough – Aggiornamenti da Saluzzo e dintorni

Per una cronaca delle mobilitazioni dei braccianti e di quanto poi accaduto nelle campe di Saluzzo nei mesi di giugno e di luglio si vedano invece gli allegati 1 e 2.

“Mancheranno 9000 lavoratori” , “A rischio i raccolti nelle campagne cuneesi” e “Il Pas non potrà aprire”. Con l’inizio della pandemia, i sindaci e i rappresentanti delle maggiori organizzazioni di produttori agricoli del saluzzese (Asprofrut, Ortofruit Italia, Jolly Fruit, Joinfruit, Rivoira, Solfrutta e Lagnasco Group) e le Associazioni agricole Coldiretti, Confagricoltura e Cia hanno ribadito che l’emergenza sanitaria avrebbe avuto forti ripercussioni sulla raccolta del distretto saluzzese, sia a livello economico che sanitario.

Continue reading Italia: Come la pandemia ha trasformato la vita dei lavoratori braccianti?

Milano – Aggiornamenti dal CAS di via Corelli

Fonte: Punto di Rottura – Contro i Cpr

In occasione di alcuni volantinaggi davanti alla struttura per informare sulla sanatoria truffa e, soprattutto, sulla probabile imminente apertura del Cpr, abbiamo raccolto alcune informazioni. Prima di riportarle ricordiamo che il Cpr verrà riaperto nella stessa struttura in cui si trovava precedentemente il Cie, reso inagibile dalle rivolte e chiuso nel 2013. È situato dietro al Cas, separato da un cancello di acciaio e ora anche da un muro alto più o meno 4 metri. I lavori sono terminati, la ristrutturazione è avvenuta a opera del Genio militare e la gestione è stata appaltata alle cooperative Versoprobo di Vercelli e Luna di Vasto di Chieti.

Continue reading Milano – Aggiornamenti dal CAS di via Corelli

Seattle (Usa): cronaca dalla Zona Autonoma della Chaz

Fonte: ilrovescio.info – 8 luglio 2020

https://radiocane.info/seattle-chaz/

Manifestazioni, blocchi stradali, scontri con la polizia, commissariati e auto degli sbirri in fiamme, saccheggi, ridistribuzioni di merci, occupazioni… Tanti sono i luoghi e le forme in cui la Floyd rebellion, partita da Minneapoliscontinua a dilagare negli Stati Uniti che la pretesa di averne un quadro completo ed esaustivo sembra quasi velleitaria. Il che, ovviamente, è anche un bene.

Continue reading Seattle (Usa): cronaca dalla Zona Autonoma della Chaz

Comunicato del 1° agosto, “Smash states and nations demo”

Fonte: Barrikade.info

Il 1° agosto circa 300 persone sono scese in strada a Berna contro il mito della Svizzera. Le nostre critiche sono state rivolte a quattro temi principali della storia svizzera. Colonialismo, reificazione, antisemitismo e patriarcato. Ma questi sono solo alcuni dei tanti motivi per cui la Svizzera non dovrebbe essere celebrata come tale. Alla fine, la polizia ha usato un colpo di gomma contro la manifestazione a causa di un po’ di vernice all’Amtshaus e quindi ha deliberatamente messo in pericolo le persone. La polizia si è posizionata anche davanti a edifici simbolici durante tutta la manifestazione di oggi, dimostrando così di difendere la storia dell’oppressione e di essere dietro di essa.

Continue reading Comunicato del 1° agosto, “Smash states and nations demo”

Berna – Solidarietà con “Stop isolation”

Fonte: barrikade.info – 2 agosto 2020

Da un mese a questa parte, i migranti rifugiati* manifestano contro le condizioni dei centri di rimpatrio con decisioni negative. Ieri abbiamo realizzato un graffito con la parola centrale “Stop Isolation” su un muro vicino alla Reitschule.

Mandiamo un saluto di solidarietà alla vostra lotta. Ecco un estratto della protesta: “Molti pensano che siamo criminali, ma non siamo in Svizzera per divertimento, ma perché non possiamo farci niente. Siamo qui da anni – alcuni di noi da decenni. Abbiamo perso molto tempo nella nostra vita. Smettete di discriminarci. Smettila di cercare di deportarci”.

 

 

Basilea – Fuoco alle prigioni, nazioni e frontiere

Testo tradotto – Fonte: barrikade.info

Nella notte del 1° agosto abbiamo fatto una passeggiata fino al carcere di deportazione Bässlergut.

Abbiamo salutato le persone imprigionate lì dentro con slogan, a cui hanno risposto a voce alta dalle finestre. Allo stesso tempo abbiamo dipinto il brutto blocco di cemento che molti escursionisti* osservano ogni giorno.

Continue reading Basilea – Fuoco alle prigioni, nazioni e frontiere

Un uomo si dà fuoco davanti al Palazzo Federale…

Fonte: renvese.co

Due settimane fa le persone dei centri di rimpatrio di Berna hanno organizzato una prima manifestazione davanti alla Segreteria di stato della migrazione (SEM) per denunciare le condizioni all’interno dei centri di rimpatrio. Una settimana dopo, lunedì 20 luglio, hanno tenuto la loro seconda manifestazione davanti al Palazzo Federale. Lì, un uomo che era stato respinto dalla procedura di asilo si è dato fuoco. Secondo la stampa, la sua vita non era più in pericolo.

Berna | 24 luglio

Non conosciamo la storia che quest’uomo racconta di quello che ha fatto, quindi parleremo di quello che capiamo dalle informazioni che abbiamo.

Continue reading Un uomo si dà fuoco davanti al Palazzo Federale…

Stati Uniti. Cose strane succedono a Portland…

Testo orignale da  www.ilpungolorosso.wordpress.com (25 luglio 2020) – Fonte:ilrovescio.info

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo aggiornamento sugli avvenimenti di Portland, la città più grande dell’Oregon (circa 600.000 abitanti), nel nord ovest degli Stati Uniti, ai confini con il Canada. La protesta non si ferma, benché in questa piazza la presenza degli afro-americani sia minima. Eppure, guardate cosa sta succedendononostante la provocatoria presenza e l’intervento di truppe federali e contractors, o forse proprio per questo.

59 giorni consecutivi di proteste e di lotte in strada a Portland, da quando l’assassinio di George Floyd il 25 maggio è stata la scintilla che ha fatto irrompere questo inedito movimento contro la violenza della polizia. Movimento composto di sfruttati neri, latinos e bianchi senza riserve, uniti in un unico sentimento: contro il razzismo della polizia ed il razzismo sistemico che pervade tutta la società.

Continue reading Stati Uniti. Cose strane succedono a Portland…

Ventimiglia – Estate 2020 al confine: un quadro della situazione

Parte 1 – Fonte: parolesulconfine.com

L’estate a Ventimiglia è un eterno ritorno, un film di cui si conosce perfettamente il brutto finale: qui si aspetta la nuova ordinanza, magari nuove leggi speciali, a stroncare ogni buona volontà. Qui si aspettano nuove morti, che si aggiungeranno alla ventina di vite già spezzate: altra polvere da buttare sotto al tappeto rosso su cui sfilano i ministri dell’interno e i vertici delle forze dell’ordine.

Luglio sta finendo e agosto, là davanti, promette di essere un ennesimo mese di circo e calvari.

(Parte 1. Qui la seconda parte. Qui la terza parte)

Continue reading Ventimiglia – Estate 2020 al confine: un quadro della situazione

La storia del clan dei fratia

Fonte: Forumalternativo – giugno 2019

di Luigi Pagani, detto ul matiröö

Fratria: “termine che indica una divisione sociale su base parentale per cui due o più clan distinti sono considerati una sola unità, sebbene conservino identità separate all’interno della fratria”. La definizione di Wikipedia di Fratria non poteva rivelarsi più aderente alla nostra rubrica. Poiché sovente narriamo di un Ticino governato in maniera feudale, dominato dai clan familiari, la Fratria descritta dall’enciclopedia libera casca a pennello.

 

Continue reading La storia del clan dei fratia

Friborgo: incendio alla Securitas SA

Riceviamo e diffondiamo

Fonte: renverse.co

Rivendicazione dell’incendio doloso contro la Securitas a Friborgo e contestualizzazione delle politiche razziste della Securitas.

Friborgo | 15 luglio

Breve cronologia delle violenze razziste commesse da Securitas dall’inizio del 2020:

– A metà gennaio 2020, il collettivo giornalistico indipendente Ajour-Magasin ha pubblicato un articolo sulla violenza di Securitas contro le persone migranti nel campo federale di Embrach

Continue reading Friborgo: incendio alla Securitas SA

Appello alla solidarietà con il collettivo Stop Isolation!

Fonte: barrikade.info – 19 luglio 2020

Asilo: persona si da fuoco a Berna (20 luglio)

Circa due settimane fa il gruppo “Stop Isolamento” ha protestato contro la situazione delle persone nei centri di rimpatrio. Più di 100 migranti rifugiati respinti hanno protestato, informato e fatto richieste al cantone.

Il Cantone di Berna è contrario a tutte le richieste del gruppo “Stop Isolamento”. Lo ha pubblicato in un comunicato stampa e in una lettera di risposta. Stop all’isolamento – un gruppo di persone con decisioni negative nel Cantone di Berna ha protestato la settimana scorsa e ha avanzato richieste concrete in una lettera al Cantone di Berna e alla Confederazione (1) permesso di soggiorno, (2) nessun isolamento nei campi di rimpatrio, (3) nessun controllo costante, multe e reclusione, (4) rispetto e dignità.

Continue reading Appello alla solidarietà con il collettivo Stop Isolation!

Sul mito bianco della leadership nera

Fonte:itsgoingdown.org

Giugno  2020 – Ciò che chiamano “la leadership nera” non esiste. Siamo seri: quello di cui stanno parlando non è altro che un frutto dell’immaginazione liberale bianca. Cioè, se questi cosiddetti leader neri esistono addirittura, allora possono essere trovati solo a scuotere e gettare la testa di una persona bianca “svegliata”.

Continue reading Sul mito bianco della leadership nera

Primo incontro di base formazione Rojava

Sabato 25 e domenica 26 luglio

c/o CSOA Il Molino – Lugano

PROGRAMMA

Sabato 25 (dalle ore 10 alle 14 e dalle 15 alle 18)

– Breve INTRO sul significato delle formazioni.

– Il CONFEDERALISMO DEMOCRATICO: un modello di convivenza sociale, oltre lo Stato, il potere e la violenza.

  • Cenni storici sul formarsi della democrazia popolare
  • Le basi e i principi. La prospettiva filosofico-politica del Confederalismo Democratico
  • Gli elementi-chiave e le strutture del Confederalismo Democratico
  • Comportamenti sbagliati nel Confederalismo Democratico Continue reading Primo incontro di base formazione Rojava

Comunicato stampa di Basilea Nazifrei sul verdetto del 7 luglio 2020

Fonte: barrikade.info – 14 luglio 2020

La Procura aveva accusato un giovane di disturbo dell’ordine pubblico, partecipazione passiva a violenze e minacce, partecipazione a manifestazioni non autorizzate e violazione del divieto di indossare una maschera. Per questo hanno chiesto 8 mesi di carcere e una multa di 800 fr. Il giudice ha seguito in gran parte l’accusa.

In qualità di Alliance Basel Nazifrei, commentiamo il verdetto:

Questo verdetto – sette mesi di carcere per poco più che partecipare alla manifestazione – è un attacco mirato contro persone politicamente attive.

Continue reading Comunicato stampa di Basilea Nazifrei sul verdetto del 7 luglio 2020

Cena solidale messicana

CSOA IL MOLINO – Giovedi 16 luglio 2020

Dalle 19:30 buonissime enfrijoladas e nopal (tortilla con fagioli neri e insalata di cactus).

Cena a soli 5 chf. Tutto il ricavato andrà per sostenere il lavoro dei docenti che lavorano con famiglie migranti tsosil.

Basilea – Repressione contro gli/le antifascisti/e a Basilea

Fonte: barrikade.info – 6 luglio 2020

Sabato 4 luglio siamo scesi in strada con circa 200 persone in solidarietà e per incontrare gli imputati nei processi politici contro #BaselNaziFrei. Il raduno si è svolto direttamente davanti all’edificio della Procura della Repubblica. Giovani e vecchi, la sinistra curda turca e gli antifascisti svizzeri hanno cantato insieme lo slogan “Basel nazifrei”!

Dopo pochi minuti, la polizia di Basilea ha messo in moto i suoi poliziotti antisommossa e ha circondato parte della manifestazione. Presto nel bunker si sviluppò uno stato d’animo combattivo: non ci lasciamo controllare, restiamo insieme! Perché per noi non era accettabile che una manifestazione contro la procura venisse nuovamente impedita da un’operazione di polizia repressiva. Due settimane prima, anche la manifestazione femminista del 14 giugno era stata circondata.

Continue reading Basilea – Repressione contro gli/le antifascisti/e a Basilea

Centri per migranti: veri e propri lager dove la gente muore (seconda parte)

Lugano, domenica 5 luglio 2020 – Resoconto presidio e  versione aggiornata comunicato con testimonianze

Negli scorsi giorni nel bunker per richiedenti l’asilo a Camorino c’è stata una rissa, ennesima in questi giorni di caldo, durante la quale avvenuto un accoltellamento tra due persone. Giovedì 2 luglio, a Paradiso nel centro della Croce Rossa un ragazzo si è buttato dal quarto piano. Al momento non si hanno informazioni sullo stato di salute di questa persona.

Il forte stress psicologico, l’assenza di ogni forma di sostegno e le assurde condizioni presenti all’interno di queste strutture sono fonte di sofferenza e rabbia quotidiane. Gli episodi avvenuti in questi giorni rendono solo tristemente noto ciò che ogni giorno le persone detenute in queste strutture di apartheid devono subire. La drammaticità di questi gesti sono espressione della disperazione di persone private della propria libertà, in balia di ricatti e menzogne quotidiane, per il semplice «crimine» di non possedere un documento. Di vite controllate e recluse. Storie che non si vogliono raccontare perché scomode e apparentemente lontane dalla cronaca totalitaria delle sirene del Covid. Evidentemente, ancora una volta, la salute non è un diritto per tutt*. Non lo è per chi vive in un campo, non lo è per chi è detenuto in carcere e non lo è per chi non possiede una casa, un lavoro o un documento.

Continue reading Centri per migranti: veri e propri lager dove la gente muore (seconda parte)

Svezia – La casa che non c’è!

Riceviamo e pubblichiamo

Occupazione a difesa di Blodstensskogen

Svezia: un paese che a livello internazionale viene spesso e volentieri rappresentato come leader della sostenibilità e coscienza ambientale. Ma purtroppo questa è solo un’immagine di facciata, perché anche nel paese scandinavo l’espansione del progresso capitalista continua a creare miseria ambientale e sociale. La prevista costruzione di una nuova raffineria firmata PREEM a Lysekil, cittadina situata ad un paio di ore di macchina a nord di Göteborg, e la creazione di una nuova mina, proprietà della ditta inglese Beowulf, per l’estrazione di ferro a Gállok, area situata nei territori Sami (popolo originario della Scandinavia) e classificata come patrimonio mondiale, sono due esempi di sfruttamento ben conosciuti a livello nazionale.

Continue reading Svezia – La casa che non c’è!

Centri per migranti: veri e propri lager dove la gente muore.

Presidio – sabato 4 luglio 2020 – ore 14:30

Centro Croce Rossa a Paradiso

Negli scorsi giorni nel bunker per richiedenti l’asilo a Camorino c’è stata una rissa, ennesima in questi giorni di caldo, durante la quale c’è stato un accoltellamento tra due persone. Ieri, giovedì 2 luglio, a Paradiso nel centro della Croce Rossa un ragazzo ha tentato il suicidio buttandosi dal quarto piano. Al momento non si sa nemmeno se sia vivo o morto.

Continue reading Centri per migranti: veri e propri lager dove la gente muore.

10 spunti per chiudere un bunker

In questo paese esistono bunker sotterranei e altre strutture in cui delle persone sono costrette a vivere. Noi vogliamo eliminarli!

1. Presa di coscienza: Nessuna persona dovrebbe per alcun motivo vivere sottoterra e non avere la possibilità di autodeterminarsi. Avvicinati ai centri, spezza l’isolamento, parla con le persone che ci vivono, conoscile, ascolta le loro storie: Arrabbiati!

Continue reading 10 spunti per chiudere un bunker