Dietro le Quinte: appunti sulla guerra e lo sviluppo tecno-scientifico

Fonte: roundrobin.info

Nota introduttiva

Questo lavoro nasce dall’esigenza di sviluppare, seppur con un taglio diverso, gli studi approfonditi nell’opuscolo del 2011 L’Università in guerra e quella di mettere nero su bianco alcuni spunti emersi dal ciclo di iniziative “La società della dismisura” tenutosi a Trento nel maggio del 2017. Il nostro è un tentativo di inquadrare il ruolo della Ricerca all’interno del mondo bellico-industriale. Cercando di capire come funziona il sistema organizzativo della ricerca militare in Italia e in Europa – e come si inserisce in un processo globale dei conflitti –, l’analisi vorrebbe evidenziare come i finanziamenti nella ricerca pubblica e privata (soprattutto nell’ambito denominato “Ricerca e Sviluppo”) e le “priorità” nelle innovazioni tecnologiche seguano il corso di decisioni e necessità politiche e militari. Il cambiamento della guerra – nelle sue maniere di essere concepita e compiuta – ha come causa ed effetto anche l’insieme dei “lavori” e delle operazioni aziendali che compongono l’odierno Sistema tecnico-industriale. L’Università è una delle colonne portanti di questo processo.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Aggiornamenti e comunicati sulla ZAD

Fonti: roundrobin.info e inventati.org/molino

Ripoirtiamo alcuni aggiornamenti e comunicati riguardanti lo sgombero e la resistenza della ZAD a Notre Dame des Landes.

 

 

Zad Notre Dame des Landes – Appello alla solidarietà contro le violenze militari dello Stato francese

Qui, nella ZAD di Notre-Dame des Landes, il governo francese schiera dall’inizio della sua operazione cosiddetta di “mantenimento della legge” un massiccio e molto costoso dispiegamento di mezzi contro civili che difendono le loro vite, i loro progetti e tutti quelli che sono venuti a sostenerli. Lo Stato non esita a mettere in campo mezzi militari come droni, elicotteri, hummer, blindati, camion e fucili d’assalto famas. Inoltre, fa uso di tecniche volte a mettere in pericolo le persone presenti sulla ZAD di Notre Dame des Landes. Lunedì 9 aprile, alle 2:30 del mattino, i gendarmi hanno attaccato nel profondo della notte, accecandole con fari potenti, spargendo una pioggia di granate lacrimogene e Bombe GIF4 (bonboni di gas e metallo).

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Zurigo e Berna: visite alla fabbrica di armi Rheinmetall

Fonte: rrn.tracciabi.li

Oggi (mercoledì 4 aprile) hanno avuto luogo a Zurigo e a Berna delle azioni di fronte agli stabilimenti di produzione della Rheinmetall, azienda tedesca di armamenti. A Zurigo tre persone sono state arrestate per un breve periodo e altre sono state controllate. È stato distribuito il seguente volantino:

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Zurigo: molotov al consolato turco

Fonte: barrikade.info

02.04.2018

Nella notte al 2.4. abbiamo attaccato con delle molotov il consolato generale turco a Zurigo.

In fondo l’azione non avrebbe bisogno di rivendicazione. Partendo da Afrin, la resistenza contro la guerra d’occupazione turca si è diffusa come il vento dal Kurdistan al Medio Oriente per arrivare fino nelle città europee e oltre. Ovunque nel mondo questa resistenza è riuscita sempre di più a rivelare il carattere fascista del regime Erdogan. Nel frattempo girano dozzine di appelli al sostegno internazionalista di Afrin con i mezzi più vari – noi li sosteniamo tutti.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Basilea: sentenza del processo contro un compagno

Fonte: renverse.co

Venerdì scorso, 23 marzo 2018, alle 8 del mattino, il nostro compagno compariva davanti alla Corte d’Appello di Basilea per delle accuse riguardanti la manifestazione “selvaggia” in Freiestrasse nel 2010 e le proteste contro la “Marcia per la Vita” del 2013. Mentre il compagno si trovava a dover assistere al teatro giudiziario in aula, in città sono stati distribuiti dei volantini, incollati degli adesivi e dei manifesti. Con questo piccolo gesto di solidarietà il processo è uscito dall’aula dove si svolgeva l’udienza.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Basilea: blocchi contro Novartis in solidarietà con Afrin

Fonte: barrikade.info

Il 21 ed il 26 marzo sono state bloccate le entrate della Novartis a Basilea, vero e proprio feudo di questo colosso mondiale dell’industria farmaceutica. Di seguito i comunicati:

Blocco presso Novartis. Niente retroterra tranquillo alla guerra!

21.03.2018

Il 19 marzo abbiamo bloccato l’entrata di Novartis a Basilea. Con questo denunciamo il sostegno della multinazionale al regime Erdogan.

Da quasi due mesi lo Stato turco, insieme a delle milizie islamiste alleate, attacca Afrin. Sono mortx già centinaia di civili, centinaia di migliaia rinchiusx nell’accerchiamento della città – il massacro è imminente. L’obiettivo della dittatura turca è di annientare un progetto progressista iniziato ai suoi confini dal movimento curdo.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Berna: colpite aziende implicate nella costruzione di Bässlergut

Fonte: barrikade.info

Berna: CSD Ingenieure, azienda complice della costruzione di Bässlergut, visitata nella notte

19.03.2018

La mattina del 19/03/18 abbiamo brevemente visitato la CSD Ingenieure alla Hessstrasse a Berna per rendere visibile la loro partecipazione all’ampliamento di Bässlergut. Sulle pareti e porte abbiamo scritto con lo spray gli slogan “sabotare chi lucra sulle galere: CSD / abbattere Bässlergut” e incollato la serratura dell’entrata.

Per questa visita vorremmo allegare a CSD Ingenieure anche la mail aperta alle ditte coinvolte nell’ampliamento Bässlergut.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Tutto il potere della polizia politica

Fonte: ajour-mag.ch e barrikade.info

16.03.2018

Più violenza produttiva. Ecco quello che richiede la consigliera federale PS Sommaruga. In dicembre ha dato il via alla procedura di consultazione sulla nuova legge federale sulle misure di polizia per la lotta al terrorismo (PMT). Servendosi dell’appiglio della lotta al terrorismo, dovrebbe venir ampliato il potere della polizia federale (fedpol). Una delle novità permetterebbe alla fedpol di sorvegliare le persone preventivamente, isolarle e limitare la loro libertà di movimento, nel caso in cui esse vengano classificate come cosiddette “persone che rappresentano un pericolo per la sicurezza pubblica” (“Gefährder”). Con ciò inizia un nuovo capitolo nella storia della polizia politica in Svizzera.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Sabato 31 marzo: corteo antifascista contro guerra e repressione a Lugano

Riceviamo e diffondiamo:

Corteo antifascista:

Contro la repressione. Contro la guerra. Estendere la solidarietà. Rilanciare la lotta!

In solidarietà ai popoli in lotta contro il Capitale e il Fascismo

31 Marzo, Piazza Molino Nuovo a Lugano, alle 14:00.

Nessuna complicità silenziosa

Dal 20 gennaio 2018 la popolazione di Afrin, Cantone del Rojava (nord della Siria) viene massacrata e privata di ogni genere di prima necessità dal dittatore turco Erdogan alleato con i jihadisti, al fine di distruggere il Confederalismo Democratico sperimentato in quelle zone. Il tutto con la complicità dei paesi occidentali, tra cui la Svizzera che produce e fornisce armi e tecnologie alla Turchia per effettuare queste inacettabili barbarie.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Calendario delle iniziative allo Spazio Edo

Riceviamo e diffondiamo:

CALENDARIO INIZIATIVE ALLO SPAZIO EDO (c/o CSOA Il Molino, Viale Cassarate 8, Lugano).

Giovedì 29 marzo

19:00 cena vegan

20:30 presentazione del libro “Lavoro? No, grazie!” di Alberto Tognola con l’autore.

Questo libro si affida all’arma della provocazione, per demolire il dogma del lavoro, base dell’economia produttrice di merci. Il “cambio di mentalità” potrebbe essere indotto dal doverci confrontare con l’assurdità di un’obiettivo esistenziale – il lavoro – perseguendo il quale manchiamo l’incontro con la vita.

 

Giovedì 12 aprile

dalle 18:30 mostra “OGM sempre sotto pressione”

19:00 cena vegan

20:30 presentazione sugli OGM

Informazioni sulla situazione degli OGM in Svizzera e riflessioni sulle strategie di lotta.
In Svizzera, il paese “più democratico del mondo”, la coltura di OGM è provvisoriamente impedita da una moratoria, ma la ricerca biotecnologica continua ad avanzare. Di fronte a una ricerca scientifica sempre più incalzante e imperante, un campo sperimentale a cielo aperto ultra-securizzato e un’opposizione molto istituzionalizzata, come organizzarsi? Discussione basata sull’esperienza del gruppo LUPIN (lotta contadina contro l’industrializzazione) e di altre iniziative indipendenti.

Giovedì 19 aprile. Rassegna di film trans-femminista-queer

20:30 “Suffragette” (Regno Unito, 2015, originale inglese sottotitolato in italiano, 106min)

Londra, 1912. La storia di un gruppo di donne che impiegò l’azione diretta ed il sabotaggio nella lotta per i propri diritti, scontrandosi con la repressione dello stato e il sessismo della società.

Durante il film pop corn a go-go. A seguire discussione.

Giovedì 26 aprile. Rassegna film trans-femminista-queer

20:30 “A question of silence” (Paesi Bassi, 1982, originale olandese sottotitolato in italiano, 92min)

Tre donne, che non si conoscono, si trovano in un negozio di abbigliamento. Una di loro sta rubando dei vestiti, quando il proprietario se ne accorge… Considerato fortemente controverso alla sua uscita negli anni ’80, il film è diventato un classico del cinema femminista.

Durante il film pop corn a go-go. A seguire discussione.

Venerdì 27 aprile

19:00 cena vegan.

20.30 Presentazione del libro Rote Zora – Guerriglia Urbana Femminista (Autoproduzione femminista, 2018).
Rote Zora è una rete di gruppi di donne e lesbiche che ha portato avanti
azioni femministe di guerriglia urbana nella Repubblica Federale Tedesca dagli anni ’70 agli anni ’90. Le loro parole ci arrivano oggi con la stessa potenza del fuoco dei loro sabotaggi.

21.30 Laboratorio di approfondimento tra donne, lesbiche e trans*.
A partire dalla lettura di stralci del libro, un momento di discussione
collettiva per trasformare insieme questa pubblicazione in uno strumento per rilanciare la lotta al patriarcato.

Giovedì 3 maggio. Rassegna film trans-femminista-queer

20:30 “Una mujer fantástica” (Cile, 2017, originale spagnolo sottotitolato in italiano, 104 minuti). Santiago del Cile. Orlando, un ultracinquantenne imprenditore tessile, ha una soddisfacente relazione con Marina e intende festeggiarne il compleanno con un viaggio alle cascate di Iguazu. La sera della
ricorrenza ha un malore in seguito al quale cade dalle scale di casa…

Durante il film pop corn a go-go. A seguire discussione.

_________________________________________________________

– SPAZIO EDO // CONTROINFORMAZIONE, CONFRONTO, LOTTA

Aperto ogni giovedì dalle 18:30 alle 22:00 (o ad oltranza) e spesso durante le iniziative che si svolgono al Molino.

Nell’era del bombardamento dell’informazione e dell’appiattimento di ogni visione critica sentiamo il bisogno di avere momenti e spazi in cui ci si possa fermare ad approfondire, discutere, confrontare, ragionare e sviluppare una propria idea, senza rimanere in superficie delle questioni.

Allo Spazio Edo puoi trovare libri, riviste, opuscoli e scritti editi allo scopo di affinare il pensiero critico contro ogni dominio e oppressione, in contrapposizione con la logica del business dell’informazione che vende informazioni con lo scopo di produrre profitto.

Qui è reperibile materiale riguardante: lotte contro le frontiere, anarchismo, antifascismo, liberazione animale e della Terra, zapatismo, femminismo/queer, anticarceraria, antirazzismo, lotte indigene e contro il colonialismo (Kurdistan, Palestina, America Latina…), critica alla tecnologia.

Vengono inoltre organizzate presentazioni di libri, proiezioni di film, documentari, discussioni e serate benefit per differenti lotte. Vuole essere una piattaforma dove costruire iniziative e lotte sul territorio.

Uno spazio, in una città dove impera il dio denaro, in cui poter passare una serata tranquilla davanti alla stufa godendosi un buon libro o una semplice chiacchierata, sorseggiando una bevanda calda senza dover mettere mano al portafoglio.

Per affilare le nostre armi e puntarle contro le istituzioni e le autorità che ci opprimono ogni giorno, per cospirare contro un sistema basato su devastazione, saccheggi e sfruttamento, per la libertà di tutte e di tutti.

SPAZIO EDO, CSOA Il Molino, Viale Cassarate 8, Lugano.

Apertura: ogni giovedì dalle 18.30 alle 22.00 e spesso nei weekend in concomitanza con le iniziative che si svolgono al CSOA Molino.

Contatto Spazio Edo: spazioedo@riseup.net

Aggiornamenti e iniziative pubblicate anche sul blog di controinformazione: frecciaspezzata.noblogs.org

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

22 marzo, Lugano: presidio spontaneo di solidarietà ad Afrin

Riceviamo e diffondiamo:

Giovedì 22 marzo  | h19.00 | Pensilina Lugano

La principale azienda complice è la RUAG Holding SA con sede a Berna e con diversi stabilimenti di produzione sul suolo svizzero. In particolare è attiva nella produzione di munizioni per piccole armi. Offre sofisticati servizi informatici e manutenzione all’aviazione militare (grande forza dell’esercito turco). La sua complicità nella produzione dei carri armati Leopard 2, uno dei carri più “all’avanguardia” del mondo, è molto alta.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Basilea: processo alla corte d’appello contro un compagno

Fonte: renverse.co

Il 23 marzo 2018, davanti alla corte d’appello di Basilea, si terrà un processo contro un compagno anarchico. Le accuse si riferiscono a due avvenimenti di qualche anno fa.

Il primo nell’ambito di una manif selvaggia nella Freiestrasse a Basilea nella primavera del 2010. Durante quella giornata, un gruppo di individui determinati era partito lasciandosi dietro delle vetrine di negozi di lusso ridecorate e distrutte in una delle vie più frequentate di Basilea. A causa di presunte tracce di DNA prelevate su degli oggetti mobili in prossimità di quella via, il compagno è accusato di aver partecipato agli innumerevoli danneggiamenti materiali.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Azioni contro lo sfruttamento animale a Zurigo e Winterthur

Fonte: barrikade

Winthethur: sabotate torrette per la caccia.

Nella prima settimana di marzo, abbiamo sabotato 5 torrette per la caccia in una foresta vicino a Winterthur, Svizzera. Per la liberazione di tutti gli animali! Per la libertà! Contro ogni gabbia!

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

20 marzo 2018 – Rose rosse per te ho comperato stasera…

Riceviamo e diffondiamo.

Fonte: CSOA IL MOLINO

20 marzo 2018 – ROSE ROSSE PER TE HO COMPERATO STASERA…

(ovvero alcune forme di razzismo e sopruso quotidiano)

Ció dimostra, senza dubbio alcuno, che siamo al cospetto di una falsa dichiarazione, esclusivamente finalizzata a danneggiare gli agenti in questione solo poiché l’intento principe, ossia di spillare (estorcere) denaro, si é fortunatamente infranto, al pari del castello di menzogne.”

(Osservazioni del comune di Lugano, rappresentato dal Municipio, 24 marzo 2017)

Era il primo agosto del 2015. Ve lo ricordate? Di primo mattino, attorno alle nove. Un ragazzo pakistano, venditore di rose, viene fermato per un controllo. Portato nel gabiotto della vecchia stazione é dapprima insultato e poi selvaggiamente pestato da due agenti della polizia comunale di Lugano1. Risultato: un timpano rotto con tanto di referto medico, naso sanguinante2, il furto delle rose e di 140 euri. Subito viene inoltrata denuncia e l’allora procuratore pubblico John Noseda apre il caso, che, dopo alcune “brevi” “indagini”, viene archiviato con un “non luogo a procedere”. Il comune di Lugano, in una lunga presa di posizione firmata dal sindaco Borradori – pratica del tutto inusuale e inammissibile (l’ente pubblico non é parte del procedimento e non é quindi legittimata a intervenire) e con toni sconvenienti e inaccettabili3 – scende in campo a difesa dell’operato degli agenti, infangando la testimonianza, la provenienza culturale (giocando sulle imperfezioni linguistiche – “no capo tu c’é tanti soldi, tu fa bella vacanza, ha bella donna, ha bella macchina, ecc, ecc)4 e il vissuto del ragazzo, in un condensato di luoghi comuni, di supremazia bianca e di razzismo. Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Basilea: retrospettiva sul corteo contro la dittatura in Turchia e considerazioni sulla repressione

Fonte: barrikade.info

Non lasciamoci dividere!

13/03/2018. Retrospettiva sulla manifestazione “Lotta alla dittatura in Turchia” a Basilea, del 3 febbraio 2018.

Ecco una breve retrospettiva della manifestazione del 3 febbraio 2018. La manifestazione, sotto lo slogan “Lotta alla dittatura in Turchia“, è stata straordinariamente grande per Basilea. Straordinario è stato anche l’intervento della polizia che ha preso di mira lx partecipanti non curdx, un evidente tentativo di divisione. Consideriamo che la repressione della polizia è indubbiamente da collocare nel contesto di un crescente movimento contro la guerra ad Afrin.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Italia: cronologia degli attacchi razzisti contro centri profughi e immigrati

Fonte: roundrobin.info

Perchè una cronologia?

La tentata strage di Macerata, ad opera di un militante fascio-leghista, non è purtroppo un episodio isolato o un fatto privo di precedenti. Da qualche anno a questa parte infatti in Italia (come in altri stati europei) sono aumentati gli attacchi contro gli stranieri. A farne le spese sono stati in particolare i profughi nelle strutture private e pubbliche  del “circuito dell’accoglienza”, ormai aperte a macchia d’olio a partire dalle grandi città fino ai paesi sperduti nelle province remote. Si tratta di episodi, passati per lo più sotto silenzio, che ci parlano da un lato di un razzismo diffuso e dall’altro dell’attivismo dei gruppi fascisti e “di destra”, che sulla contrapposizione tra italiani e immigrati stanno incentrando la loro schifosa azione politica e sociale. Fatti sicuramente diversi tra loro, sparsi territorialmente e temporalmente, ma accomunati dalla stessa logica distorta: prendersela con chi fugge da bombe e miseria, anziché con chi crea un mondo di guerre e sfruttamento.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Lugano, 17 marzo: presidio contro la guerra ad Afrin.

Riceviamo e diffondiamo:

Sabato 17 marzo, dalle 14.00, presidio per Afrin alla stazione FFS di Lugano.

Difendiamo Afrin!
Basta questo silenzio complice!
Basta bombardamenti e libera circolazione per aiuti solidali subito!!!

Nella notte tra il 14 e il 15 marzo 2018, l’esercito del dittatore turco Erdogan e le bande jihadiste sue alleate (al-Qaeda, al-Nusra e ciò che resta dell’ISIS) hanno iniziato a bombardare massicciamente la città di Afrin, nel nord della Siria, nel Rojava, assediata e completamente isolata da lunedì 12 marzo. Vi sono accerchiate 300000 persone costrette a bere acqua contaminata dopo la presa di controllo della diga e il bombardamento mirato degli acquedotti e delle stazioni di pompaggio, senza elettricità, senza latte per i bambini, senza generi di prima necessità, quasi senza cure dopo i bombardamenti ad ambulatori e all’ospedale ancora nelle ultime ore!

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Appello: se Afrin cadrà… sarà troppo tardi.

Fonte: fight4afrin.noblogs.org

Diamo comunicazione della nascita del sito fight4afrin.noblogs.org, che ha lo scopo di portare avanti una mobilitazione contro l’aggressione dell’Esercito turco nel Cantone di Afrin e contro i governi, le industrie e le banche che qua in Europa sono complici delle stragi di Erdogan e dei suoi tagliagole.

L’appello – Se Afrin cadrà…. sarà troppo tardi!

Per più di 6 settimane abbiamo dovuto assistere all’attacco e l’occupazione da parte dello Stato turco e insieme a gruppi islamisti come ISIS e Al-Qaeda di Afrin, il cantone più a ovest del Rojava. In questa campagna di sterminio, gli invasori non si trattengono né dal ricorrere al bombardamento deliberato di civili né dall’usare armi chimiche. I mercenari islamisti e i soldati turchi fascisti lasciano una scia di devastazione, saccheggio, stupro e omicidio, praticano una pulizia etnica del territorio curdo. Finora più di 300 civili e molti militanti hanno dato la vita, decine di villaggi sono stati distrutti e centinaia di migliaia di persone hanno dovuto lasciare le loro case.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Perquisizioni contro Revolutionärer Aufbau Schweiz

Fonte: barrikade.info

04/03/2018

Giovedì primo marzo, su ordine della procura di Basilea città, la polizia ha perquisito due locali del Revolutionärer Aufbau Schweiz a Basilea e a Zurigo. A Basilea è la seconda perquisizione domiciliare entro brevissimo tempo, un mese fa la polizia era entata nel locale prima della manifestazione del 2 febbraio in solidarietà con Afrin / Rojava a Basilea.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

No al centro federale a Grand-Saconnex né altrove

Fonte: renverse.co

Traduzione di un volantino distribuito sabato 3 marzo nelle bucalettere di Grand-Saconnex (Canton Ginevra).

Al Grand-Saconnex, incollato alla pista di atterraggio dell’aeroporto di Ginevra, si trova attualmente il foyer per rifugiati/e, famiglie e persone sole, dei Tilleuls. Quest’ultimo dovrebbe essere distrutto nei prossimi mesi, in vista della costruzione di un grosso complesso che comprende un Centro Federale di rimpatrio per richiedenti l’asilo di 250 posti, una prigione di detenzione amministrativa di 50 posti, oltre che un servizio di polizia e di dogana.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Striscioni contro le prigioni e il regime migratorio

Fonte: barrikade.info

28.02.2018

Il 16.2. a Basilea in luoghi diversi sono apparsi piccoli segni di resistenza.

I messaggi si rivolgevano contro le prigioni e il regime migratorio. Molti striscioni erano appesi vicino alla prigione per le espulsioni Bässlergut, dove c’è anche il cantiere di una seconda prigione, contro la quale dall’inizio dei lavori è in corso una forte resistenza.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Losanna: il 28 febbraio la polizia ha ucciso Mike, del collettivo Jean Dutoit.

Fonte: renverse.co

“Questa notte [28 febbraio 2018] il nostro amico Mike è stato ucciso dalla polizia a Losanna. La casa è in lutto. Abbiamo bisogno di supporto”. Ecco quello che si può leggere sulla pagina facebook del collettivo Jean Dutoit.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Chiamate per l’8 marzo a Zurigo e Ginevra

Fonti: renverse.co e barrikade.info

In vista della giornata dell’8 marzo, pubblichiamo di seguito le traduzioni della chiamata per una marcia notturna per dei femminismi rivoluzionari a Ginevra, seguita da quella per un blocco queerfemminista alla manifestazione delle donne a Zurigo.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Gomme a terra per chi lucra sulla costruzione di Bässlergut

Fonte: barrikade.info

18.02.2018, Basilea: L’ampliamento della prigione per le espulsioni Bässlergut avanza, la rabbia rimane. Nulla è dimenticato. Nelle ultime settimane abbiamo forato le gomme delle vetture delle seguenti imprese.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

22 febbraio: presentazione del libro “Contrade: storie di ZAD e NoTAV”

Riceviamo e diffondiamo:

Giovedì 22 febbraio,

ore 19:00 – Cena vegana.

dalle 20:30 – presentazione allo Spazio Edo, CS()A Molino, Viale Cassarate 8, Lugano.

CONTRADE
Dalla lotta contro l’aeroporto a Notre-Dame-des-Landes, al movimento contro l’Alta Velocità in Valle di Susa, vite e territori in subbuglio si raccontano.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Comunicati e resoconti di alcune azioni contro il WEF

Fonte: barrikade.info

Riportiamo la traduzione di comunicati e resoconti di diversi momenti di azione diretta ed opposizione al World Economic Forum svoltosi lo scorso mese di gennaio a Davos.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Svizzera francese: presentazione del Collettivo Outrage

Fonte: renverse.co

Il collettivo Outrage è un gruppo di azione e di riflessione rivoluzionario svizzero – situato attualmente in svizzera francese – che lavora su delle questioni legate alla “razza”1. Nato nell’estate del 2017, ci siamo raggruppatx in un gruppo non-misto tra persone razzizzate negativamente2 dalla società etero-cis3 bianca e patriarcale.

Siamo compostx da diverse persone provenienti da organizzazioni, collettivi e lotte anticapitaliste e antimperialiste, anticolonialiste, in sostegno alle persone in esilio, studenti e lavoratrici, femministe, antirazziste e alle lotte anticarcerarie, contro la repressione poliziesca, o contro le violenze sessiste e sessuali. Siamo convintx che solo l’autorganizzazione delle persone direttamente toccate – sia dal sistema di oppressione di “razza” che da altri possa essere realmente efficace.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Esce il libro “Rote Zora: guerriglia urbana femminista”

Fonte: roundrobin.info

Rote Zora è una rete di gruppi composta da donne e lesbiche che ha portato avanti azioni femministe di guerriglia urbana nella Repubblica Federale Tedesca dal 1975 al 1995. Anche se il contesto in cui hanno operato è lontano dal nostro, le Rote Zora sono un prezioso esempio di resistenza femminista per la loro capacità di unire la teoria alla pratica, per il modo in cui agivano non solo in difensiva ma anche in attacco, e inoltre riteniamo sempre attuali i temi da loro toccati e le loro analisi. Infatti, oltre alle lotte per l’aborto, contro lo sfruttamento sessuale e le tecnologie riproduttive, hanno agito anche all’interno di lotte sociali (trasporto gratuito, occupazione delle case, carcere, sfruttamento del lavoro salariato), contro le biotecnologie, lo Stato, l’imperialismo, il militarismo e le politiche razziste sulla migrazione, e in solidarietà a lotte di altre donne nel mondo, dimostrando di cogliere in un unico sguardo le intersezioni tra le diverse oppressioni. Soprattutto per noi sono un esempio di come sia possibile lottare contro lo Stato e i diretti responsabili delle sue violenze.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Zurigo: fuoco presso il consolato turco in solidarietà con Afrin

Fonte: barrikade.info

“29/01/2018

Nella notte di domenica (28/01) a lunedì (29/01) abbiamo incendiato un’auto sull’area del consolato turco nella Weinbergstrasse a Zurigo. Solidarizziamo con Rojava e il cantone di Afrin che attualmente è attaccato dallo Stato NATO Turchia e da milizie islamiche alleate.

Lo Stato turco era da sempre un nemico del progetto progressista Rojava. Ricordiamo la collaborazione della Turchia con le gang che attaccarono Kobane, le reiterate scaramucce lungo il confine tra Rojava e Turchia oppure l’intervento dello Stato turco insieme a dei gruppi islamici dell’ “Esercito Siriano Libero” per controllare una zona tra Afrin e i cantoni di Kobane e Cizre. L’attacco contro Afrin è una escalation dello scontro a un livello militare nuovo. Tutto quel che Rojava rappresenta è e resta come il fumo negli occhi allo Stato turco con la sua ideologia reazionaria, islamista e nazionalista.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Sabato 3 febbraio: corteo “Afrin non è sola” a Bellinzona

Riceviamo e diffondiamo:

Sabato 3 febbraio, ore 15.00, Viale Stazione, Posta di Bellinzona.

Afrin non è sola: corteo di solidarietà.

Dopo la sconfitta di Isis e delle varie formazioni salafite, che Erdogan ha sostenuto, finanziato, armato assieme ai paesi più reazionari del Golfo, e di fronte al crescere del confederalismo democratico, della sua espansione territoriale e soprattutto della sua capacità di iniziativa politica, il fascismo turco entra in campo direttamente con le sue forze armate.
Afrin non è sola! Sabato 3 febbraio, alle ore 15 alla Posta di Bellinzona, corteo contro l’aggressione militare del presidente turco Erdogan nei confronti della città di Afrin, nord della Siria.

Fonte: Comitato Ticinese per la Ricostruzione di Kobane.

Posted in Generale | Leave a comment

Del letame contro gli architetti della prigionia

Fonte: renverse.co

Lunedì 29 gennaio 2018, si teneva il vernissage dell’esposizione dei progetti di concorso di architettura per gli edifici della Polizia internazionale e del centro federale. Due progetti che dovrebbero essere pronti nel 2022 al Grand Saconnex (Canton Ginevra). Per questa occasione era stata organizzata una conferenza stampa nella quale Pierre Maudet, Serge DalBusco e altra immondizia simile doveva prendere la parola. Il vernissage si è svolto nello spazio “3DD” in Via David-Dufour, uno “spazio di dialogo dedicato alla città di domani e alle pratiche participative”. Per quanto riguarda l’aspetto partecipativo di questa serata: l’entrata era unicamente su invito, con controlli all’entrata. È quindi una bella cricca di politici, urbanisti, sbirri e architetti che sono venuti a bere dello champagne osservando i progetti delle loro future centrali e prigioni per migranti.

Abbiamo versato del letame.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Comunicato del blocco rivoluzionario rispetto al corteo NoWEF

Fonte: barrikade.info

Circa mille persone hanno preso parte oggi (23 gennaio 2017) a Zurigo al blocco rivoluzionario organizzato all’interno del corteo NoWEF, chiamato da subito da un’insieme di forze. Con azioni, interventi e volantini, la protesta contro il World Economic Forum è stata messa in un’ottica di prospettiva anticapitalista, esprimendo come la decennale storia di resistenza rivoluzionaria contro il WEF continua ininterrotta. Un focus particolare è stato posto sulla solidarietà internazionale con il Rojava, a fronte dell’aggressione da parte della Turchia: Bijî berxwedana Efrînê!

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Schmitten (FR): attacco incendiario contro Implenia.

Fonte: barrikade.info

Nella notte dal 14 al 15 gennaio, degli accendi-fuoco sono stati posizionati e accesi sugli pneumatici di un veicolo del costruttore Implenia a Schmitten (Canton Friborgo).

Ancora dei vandali di estrema sinistra”

Qualunque sia l’etichetta che vogliono accollarci, tentano unicamente di distrarci da quello che vogliamo veramente far passare. Siamo un gruppo di amici/che che ne hanno abbastanza di accettare passivamente i meccanismi di oppressione che governano e distruggono questo mondo. Discutiamo spesso di quello che ci disturba e di quello che siamo capaci di fare per opporci.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Appello comune per la campagna NoWEF

Fonte: Redazione Rossa e Nera

“Se Clinton, Blair o Schröder, se Trump, Macron o Modi: l’annuale Forum Economico Mondiale a Davos è un raggruppamento di coloro che rappresentano la società gerarchica capitalista e agiscono nell’interesse della stessa. È un convegno tra la politica e il capitale, la cui importanza si trova al di fuori del pubblico palcoscenico.

Ne è un esempio la gioia evidente del capitale svizzero per l’annunciata visita di Trump e delle truppe di alto livello che lo accompagneranno. Dalla sua presenza nessuno si aspetta seriamente una migliore cooperazione politica internazionale, le contraddizioni tra le varie fazioni de* governanti sono troppo grandi, tutto riguarda unicamente gli interessi economici di coloro che sono presenti a Davos.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Nasce Biblioteca Anarchica, versione italiana di The Anarchist Library.

Cos’è la Biblioteca Anarchica?

Una raccolta di testi, divisi per autori e argomenti, sulla storia, teoria e prassi dell’anarchismo. Tutti i testi sono consultabili online e scaricabili in EPUB, PDF e altri formati. I file in PDF sono disponibili sia per la lettura su dispositivi digitali che per la stampa: puoi facilmente produrre una copia rilegata dei testi per te, per la tua distro o per le persone a te vicine.
Se trovi dei materiali che pensi abbia senso leggere assieme, puoi creare un PDF pronto per la stampa, che riunisca i testi o parti di essi, utilizzando l’Impaginatore.

 

Come contribuire alla Biblioteca?

Questo progetto è pensato per consentire a chi ne usufruisce di essere partecipe all’espansione della raccolta di testi e alla correzione degli stessi: a fianco dei pulsanti per effettuare i download nei vari formati, troverai anche l’opzione di modificare il testo che stai leggendo.
Puoi inoltre caricare in autonomia libri e altro materiale usando l’apposita funzione: nel caso avessi dubbi sulla formattazione, è disponibile nella stessa pagina la documentazione del caso.

Titoli già pubblicati: https://bibliotecaanarchica.org/listing

Maggiori informazioni: https://bibliotecaanarchica.org

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

19-20 gennaio: fine settimana su* prigionier* politic*

Riceviamo e diffondiamo:

Un fine settimana su* Prigionier* Politic*, al CS()A il Molino, Viale Cassarate 8, Lugano.

Incontro con vari collettivi per aggiornamenti, scambi sulle lotte, musica e festa!!

Per vedere il volantino clicca qui. Di seguito il programma della 2 giorni.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Nuovo numero del bollettino della Rete in Difesa del Popolo Mapuche

A dicembre è uscito il bollettino numero 5 della Rete in Difesa del Popolo Mapuche. Disponibile in PDF qui.

Per aggiornamenti e approfondimenti visita il sito della Rete Internazionale in Difesa del Popolo Mapuche.

Posted in Generale | Leave a comment

Basilea: attaccato ufficio di collocamento

Fonte: roundrobin.info

“Ognuno che non si lascia sfruttare a sufficienza viene isolato e subisce sempre di più la pressione.

Il sussidio di disoccupazione o altri aiuti sociali vengono concessi solo a coloro che si sottomettono: mediante sanzioni e misure disciplinari le persone vengono sorvegliate, umiliate e costrette ad accettare lavori precari.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Marsiglia: ogni frontiera è una guerra, ogni frontiera è una prigione.

Fonte: sansattendre.noblogs.org

Questo testo è stato diffuso a Marsiglia nei mesi di ottobre/ novembre 2017. È inteso come contributo alla lotta contro le frontiere, il controllo e la reclusione come tali, in un contesto di mobilitazioni contro le espulsioni di persone considerate dallo Stato come indesiderabili. Dalle Hautes Alpes a Ventimiglia, passando dalla valle del Roya e Marsiglia parecchie sono quelle/i che organizzano un sostegno materiale, per aiutare il passaggio delle frontiere e aprire degli spazi di alloggio che non dipendano dalle logiche di smistamento/separazione e di gestione da parte delle istituzioni e dei loro sostituti associativi/umanitari.

 

Il potere afferra ogni occasione per rafforzare il suo arsenale di controllo e di repressione. Qualche ora dopo l’attacco con un coltello che aveva ammazzato due persone alla stazione di Marsiglia St-Charles, sono stati fatti degli annunci concernenti un futuro piano di costruzione di celle nei centri di detenzione. In tutto questo apprendiamo che i lavori al CRA di Canet per aumentare le capacità di imprigionamento da 60 a 138 persone avverranno in dicembre, cosa che di seguito moltiplicherà le retate, gli arresti e le espulsioni. Sulla stessa onda il governo intende portare la durata d’imprigionamento in un centro di detenzione da 45 a 90 giorni e creare anche dei centri di residenza assegnati in prossimità degli aeroporti per accelerare l’espulsione delle persone colpite dal regolamento Dublino.

Al di là del sostegno portato alle persone minacciate d’espulsione ci importa alimentare delle dinamiche di lotta autonome che rifiutino il dialogo con gli attori istituzionali e che esplorino dei percorsi di solidarietà e d’offensiva di fronte alla caccia ai poveri che s’intensifica ogni giorno.

Da qui la proposta fatta nel testo che segue di sottolineare chiaramente le diverse responsabilità delle strutture implicate nella macchina di imprigionamento e d’espulsione, che non consideriamo come interlocutori ma come nemici da combattere. Questa proposta non chiede altro che essere sviluppata e precisata, sia da altri contributi scritti e dalla discussione, ma anche nella pratica.

Oggi come ieri, qui come ovunque: distruzione dei centri di detenzione, libertà per tutte! Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Le ambivalenze di un simbolo

Riportiamo un’intervista alla filosofa Rosella Prezzo sul tema del “velo”. Pur non condividendo per forza tutte le sue posizioni, queste riflessione forniscono degli spunti interessanti sul dibattito riguardante la legge razzista approvata a livello ticinese sul “divieto della dissimulazione del volto” e della campagna politica per un’adozione a livello federale della stessa.

Un’intervista con Rosella Prezzo, filosofa e autrice di «Veli d’Occidente»,per Moretti&Vitali. L’intreccio tra velo, verità e svelamento è tra i nessi più persistenti e tuttavia foriero di malintesi. «Lo sguardo coloniale è entrato a far parte di quello che si può chiamare il nostro inconscio storico» Nella «società della trasparenza», chi si rende visibile è altrettanto innocuo. Sembra questa la sintesi di una serie di malintesi relativi anche e non solo al velo, in particolare quello islamico, attorno a cui si sono affastellate molte congetture e interpretazioni.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Uscita del numero 4 di Rizoma

Fonte: rhizom.noblogs.org

Uscito a dicembre il nuovo numero di Rizoma, bollettino anarchico in sostegno alle lotte contro l’ingegneria genetica e il mondo che la produce.

Versione in PDF disponibile qui. Dall’editoriale:

In Rizoma viene sempre sottolineata l’importanza dell’autonomia della lotta contro le nocività generate dall’ingegneria genetica. Essendo anarchicx, per cui intraprendendo una lotta più ampia contro ogni autorità, risulta chiaro che anche quando si affronta uno dei tanti aspetti del dominio, non ci sia alcuna intenzione di dialogare con le istituzioni e i responsabili di qualsiasi oppressione. La nostra ambizione non è certo migliorare le condizioni di dominio, bensì la libertà da ogni dominio. Detto ciò, nel percorso di lotta contro l’ingegneria genetica, non accettiamo né alcuna moratoria, né qualsiasi rassicurazione da esperti o specialisti che provano a convincerci di non correre alcun pericolo con gli OGM.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Sabato 23 dicembre a Lugano: Corteo antirazzista, antifascista, anticapitalista e contro ogni frontiera

Riceviamo e diffondiamo:

Pace non cerchiamo. A guerre e razzismo ci ribelliamo!

Sabato 23 dicembre: Corteo antirazzista, antifascista, anticapitalista e contro ogni frontiera a Lugano. Ritrovo alle 14.00 in Piazza Molino Nuovo.

I SEGNI DI UNA PACE TERRIFICANTE – Provano a farci credere che va tutto bene…

Posted in Generale | Leave a comment

23.12.2017 – I SEGNI DI UNA PACE TERRIFICANTE

Intro: PASSATA LA FESTA GABBATO LO SANTO:

TESTO DELLA GIORNATA:

“Oggi non è tanto il rumore degli scarponi che dobbiamo temere, quanto il silenzio delle pantofole”

Giunge dicembre e ritorna la consuetudinaria ritualità natalizia: laide decorazioni illuminano le tristi costruzioni, le persone si riversano nelle strade e nei negozi per inseguire acquisti, le espressioni sui volti mutano dall’indifferenza all’ipocrisia, accompagnate dai molti sorrisi falsi e dalle numerose conversazioni artefatte.

Insomma, le distrazioni non vengono a mancare. Possiamo ammirare panettoni e agnelli nelle corsie dei supermercati e gli ultimi modelli di smartphone nelle vetrine, possiamo imbastire lussuosi banchetti e brindare ai benefici del capitalismo. Ci sono merci per le quali i confini non esistono e invece persone da relegare in carcere perché senza documenti. Due pesi, due misure. Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

E’ QUI LA FESTA… RIVELAZIONI OSSIMORICHE IN AVVENTO DI CATASTROFE

Un contributo pre-corteo del 23 dicembre 2017 a Lugano

La vera catastrofe è che tutto continui come prima. Così Walter Benjamin si esprimeva nei primi anni Quaranta del secolo scorso, mentre si accingeva ad affrontare le estreme conseguenze della barbarie nazifascista. Mentre tentava disperatamente di scappare (alla stregua di molta umanità di questo presente), cercando invano un varco nella ramina franco-spagnola, il filosofo ebreo-tedesco aveva capito che il suo e il nostro disastro non risiedeva tanto nel rumore degli stivali e dei mitra della gestapo, ma nel silenzio complice delle pantofole. In tutti coloro che si affidano alle comodità domestiche del progresso, pur di raccontarsi che in fondo va bene così, che tutto possa essere mantenuto fuori dall’uscio di casa, continuando a vivere come sempre.
Alcuni anni prima di Benjamin, alle prese con l’imminente stessa barbarie, Antonio Gramsci aveva definito l’indifferenza come il peso morto della storia. Un peso morto ma che agisce, poiché in grado di operare potentemente, attraverso la sua passività. Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

23.12.2017 – PASSATA LA FESTA GABBATO LO SANTO!

“festa” era in realtà il corteo “antirazzista, antifascista, anticapitalista e contro ogni frontiera”
(una madre, ticinonews 20.12.2017)

Sembrerebbe il famoso proverbio partenopeo: passata la festa e subito ce ne si dimentica.
Ma a noi di dimenticare proprio non interessa, anzi: è la memoria puntuale che permette di leggere questo presente .
Un presente “gabbato” dove da festeggiare c`è ben poco. E per chi avesse problemi di memoria, ci pensano puntuali gli scribacchini del potere, a ricordarci, confermandocelo per l’ennesima volta, quel “delirio securitario” che quotidianamente vomitano e di cui si nutrono per sopravvivere. Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

“È razzismo, imbecille!” di Lorenzo Kom’boa Ervin

Fonti: renersé.co e theanarchistlibrary.org

Lorenzo Kom’boa Ervin è un ex membro del Black Panther Party (BPP). Da quando aveva 12 anni, è attivo nel NAACP (National Association for the Advancement of Colored People), in seguito diventa attivista contro la guerra nel Vietnam, prima di entrare nel BPP alla fine degli anni ’60. Nel 1969, fa parte delle Pantere Nere che dirottano un aereo per Cuba al fine di fuggire a una condanna negli Stati Uniti, accusate dell’omicidio di un dirigente del Ku Klux Klan. Dopo un esilio a Cuba e in Cecoslovacchia, viene catturato dalle autorità statunitensi e trascorre quasi 15 anni in carcere. Militante dell’autonomia nera, ha scritto “Anarchism and the Black Revolution”. 

Reagendo a uno dei miei scritti sul racial profiling e la polizia nel Michigan, un bianco “radicale” mi ha “rimproverato” di parlare di questa forma di repressione poliziesca come di un delitto di “guida in stato di essere nero”, dato che lui, un bianco, era già stato arrestato per colpa dei suoi “capelli lunghi”. Ha aggiunto che bisognerebbe che mi concentri sulle “questioni di classe”, piuttosto che su “mere questioni razziali”. Dato che non volevo rispondergli con una lettera personale, e che francamente non avevo nessuna voglia di iniziare per l’ennesima volta una discussione con un radicale bianco di classe media arrogante, ho deciso di farlo con questo testo.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Sulla collaborazione del governo svizzero con la Libia

L’11 dicembre Amnesty International ha pubblicato il rapporto “Libia: un oscuro intreccio di collusione”, denunciando la complicità dei governi europei (e della Svizzera) con le torture e le violenze contro decine di migliaia di migranti e rifugiate/i detenute in Libia.

Nello specifico, nel testo di presentazione che accompagna la pubblicazione del rapporto, si legge che la Svizzera collabora attivamente con le autorità libiche, nello specifico nell’ambito del Processo di Khartoum1 e del Gruppo di contatto per il Mediterraneo centrale (GCMC)2, che raggruppano degli Stati africani ed europei, particolarmente toccati dalle migrazioni che attraversano il Mediterraneo. L’ultimo incontro del Gruppo di contatto si è svolto a metà novembre a Berna, su invito della Svizzera. La Svizzera inoltre ha messo 1 milione di franchi a disposizione dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni (IOM), destinati alla formazione all’equipaggiamento delle guardie costiere libiche.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Germania: cinque mesi dopo il G20… nuova ondata di perquisizioni in diverse città

Fonte: sansattendre.noblogs.org

Martedì 5 dicembre, cinque mesi dopo gli scontri che avevano scosso la città di Amburgo in occasione del G20, la polizia tedesca ha effettuato una serie di perquisizioni contro dei centri sociali, delle sedi di sindacati e degli appartamenti privati.

In totale, su richiesta della commissione speciale “Black Block”, al mattino presto sono stati perquisiti 24 luoghi. Questa commissione, che raggruppa 160 poliziotti, è stata messa in piedi specificamente per ritrovare i/le responsabili dei “disordini dell’ordine pubblico” che avevano perturbato il G20 e messo in subbuglio capi di Stato e media capitalisti. Le perquisizioni si sono svolte in tutta la Germania: ad Amburgo, a Berlino, a Colonia, Bonn, Sieburg, Göttingen, Stoccarda e nella Bassa Sassonia.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Zurigo: perquisizioni alla biblioteca anarchica Fermento

Fonte: finimondo.org

Giovedì 30 Novembre, attorno alle 16, una dozzina di agenti della polizia cantonale, in borghese e in uniforme, armati di un mandato di perquisizione, si sono introdotti nei locali della biblioteca anarchica Fermento, nella Josefstrasse 102 a Zurigo. Il presunto reato: “Pubblica istigazione a commettere crimini e atti di violenza”.
Come abbiamo appena appreso, già dieci giorni prima 3 agenti del Dipartimento di investigazione criminale della polizia cantonale si erano introdotti nella biblioteca. Anche allora utilizzando la stessa dichiarazione: la vetrina della biblioteca sarebbe un’istigazione a commettere crimini e violenze contro imprese e privati, cosa che è da inquadrare nel contesto dei recenti attacchi incendiari contro la costruzione del PJZ [nuovo palazzo di giustizia] e della prigione “Bässlergut” a Basilea.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Sciopero nel carcere di Thorberg (BE)

Fonte: barrikade.info

22/11/2017

Dall’ultimo venerdì (17.11) nella prigione di Thorberg nel canton Berna scioperano attorno ai 50 prigionieri. Secondo i media borghesi chiedono un salario più alto, più sfera privata e un vitto migliore.

Lunedì un’unità di polizia in passamontagna ha assalito varie celle e ha portato via nove scioperanti. Secondo i media borghesi quattro si trovano nelle celle d’isolamento (“Bunker”) e degli altri cinque non si saprebbe dove li hanno portati. A tutti gli altri detenuti scioperanti è stato vietato l’accesso allo spaccio interno, all’ora d’aria e altre cose. Secondo i giornali borghesi a partire da oggi (mercoledì 22 novembre) inizieranno lo sciopero della fame altri 40 prigionieri.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Manipolazione, messa in scena, danneggiamento.

Fonte: barrikade.info

Riportiamo un comunicato a proposito del processo contro 10 compagnx a Basilea, a cui va tutta la nostra solidarietà. Pensiamo sia importante che chiunque frequenti spazi occupati legga quanto segue, al fine di evitare di dare al collettivo “Voina” altre occasioni di fomentare attacchi repressivi da parte dello Stato.

Ci siamo: 10 amic*, vicin* e coinquilin* all’interno dello stesso progetto abitativo in Wasserstrasse si trovano questa settimana (dal 20 al 24 novembre 2017) davanti ad un giudice nelle vesti di accusatx. Le accuse, anche pesanti, sono tra l’altro: violazione di domicilio, furto, aggressione, sequestro, tentate lesioni aggravate.

Di seguito il comunicato di alcun* abitanti di Wasserstrasse implicat* nel processo „Voina“.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Traduzione: Crew 38 – Supporto agli Hammerskins

Fonte: RedazioneRossoeNera
Tradotto da: https://www.antifa.ch/crew-38-support-fuer-hammerskins/

Da inizio millennio la rete di supporto Crew 38 (3 = C, 8 = H, Crossed Hammers, il logo degli Hammerskins) serve i rami europei degli Hammerskins quale piattaforma di reclutamento per potenziali nuovi membr*. Acquistando e indossando diversi articoli del merchandising Crew 38 gli*le estremist* di destra possono esprimere la loro simpatia per la rete internazionale della Nazione Hammerskin. Agli eventi organizzati dalla Crew 38 per gli*le estremist* di destra è possibile stabilire contatti con esponenti degli Hammerskins, i quali in pubblico non si mostrano come tali. Gli stessi Hammerskins svizzeri affermano che il denaro raccolto in tali occasioni serve in sostegno alle famiglie dei membri arrestati o deceduti.

Crew 38 come etichetta

In Svizzera l’etichetta Crew 38 si conosce da oltre 10 anni. La casella postale è stata custodita dall’Hammerskin Thomas Wermelinger di Sempach. Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

La politica italiana in Libia

Fonte: romperelerighe.noblogs.org

Ciò che accade al largo delle coste e all’interno del territorio libico è davvero rappresentativo dei tempi ignobili in cui viviamo.
Con lo spudorato pretesto della “lotta ai trafficanti di uomini”, lo Sato italiano sta lautamente finanziando signori della guerra, guardie e milizie (quello che si definisce maldestramente “governo libico”) per il controllo e l’internamento di massa dei poveri in fuga. Pattugliamenti e respingimenti sulle coste del Meditteraneo, detenzione nei campi di concentramento libici di circa seicentomila persone, costruzione di un muro nel deserto lungo il confine con il Niger, il Ciad e il Mali. Le stesse milizie che si sono arricchite per mesi con i viaggi della disperazione, ora sono pagate per impedirli.Sono le stesse milizie a cui l’ENI delega la difesa armta dei propri pozzi. Nei trentaquattro campi di concentramento si praticano quotidianamente torture, violenze, stupri. L’importante è che la merce umana non richiesta non venga a turbare i sogni di ordine e sicurezza in Italia e in Europa. Il resto non è affar nostro, giusto? D’altronde, con la Turchia di Erdogan non si sono stipulati gli stessi accordi?

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Quando migrazione fa rima con detenzione ed espulsione

Fonte: renverse.co

A Ginevra, una cinquantina di persone sono attualmente in detenzione amministrativa, per l’unica ragione che gli è stato negato un permesso di soggiorno nel territorio svizzero. E’ il caso di R, tunisino, respinto, arrestato in ottobre mentre usciva dall’Ufficio cantonale della popolazione e della migrazione (OCPM), dove si era recato per rinnovare la sua carta bianca che gli permette di ottenere «l’aiuto d’urgenza«. Attirato dal mito di un’Europa dei “diritti umani” e della prosperità per tutti/-e, R si è trovato, invece, di fronte a una politica migratoria che considera gli esseri umani come dei numeri da gestire, selezionare, rinviare…

Mentre ci si commuove per le tragiche morti dei/delle migranti sparse lungo le vie dell’esilio, è necessario rammentare i miliardi investiti, non nell’accoglienza, ma nella repressione e nella costruzione di una fortezza infrangibile alle frontiere?

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

25 novembre, Zurigo: giornata di lotta contro tutte le forme di violenza contro le donne

Fonte: barrikade.info

17/11/2017

Appello per una passeggiata serale femminista, sabato 25 novembre 2017, alle 16:30, Polyterasse, Zurigo.

Il 25 novembre 1981, alla prima riunione internazionale delle femministe latinoamericane e caraibiche, la stessa data fu dichiarata giornata di lotta alla violenza contro le donne. Retroscena della data è il 25 novembre 1960, quando nella Repubblica Dominicana tre sorelle furono assassinate per la loro solidarietà con dei movimenti politici d’opposizione alla dittatura nel paese. La lotta per i diritti delle donne non è finita, ostacoli fisici e psichici, il tormento e l’offesa delle donne in base al loro genere sono presenti ogni giorno in Svizzera e nel mondo. Ma anche le lotte sono varie: delle donne s’oppongono in modi diversi nel Rojava, in Polonia, Argentina, Kenya, India e dappertutto nel mondo.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

“Costruite infrastrutture per sfuggire al bavaglio della censura!” Sull’attacco a linksunten.indymedia.org

Fonte: cavallette.noblogs.org

E’ la mattina del 25 agosto quando il ministro degli interni tedesco Thomas de Mazière dichiara ufficialmente la messa al bando del sito linksunten Indymedia. Il provvedimento viene notificato a tre persone, accusate di essere le amministratrici del sito. Nelle stesse ore la polizia federale tedesca si scatena: imbeccata dai servizi segreti (BND), ottiene un mandato di perquisizione contro il centro sociale Kulturtreff in Selbstverwaltung (KTS) di Friburgo. Durante il raid, che vede la partecipazione di 250 agenti, vengono sequestrati denaro ed attrezzature informatiche per un valore di 80.000 euro.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

24-25 novembre: serate di discussioni, proiezioni e musica contro il sistema carcerario al CS()A Molino

VENERDÌ 24 NOVEMBRE

19.30: cena vegana.

21.00: proiezione di “13th”
(regia di Ava Du Vernay, stati uniti, 2016, durata 100min, in lingua originale inglese sottotitolato in italiano). Il documentario ripercorre la storia e gli sviluppi dell’istituzione carceraria dall’”abolizione della schiavitù” al giorno d’oggi, focalizzandosi sulle intersezioni tra razzismo, sistema penale e carcerazione di massa nelle prigioni statunitensi, con particolare attenzione alla privatizzazione del settore e allo sfruttamento lavorativo dei/delle detenute/i ad opera di imprese private e dello Stato.
La schiavitù è stata davvero abollita? A seguire discussione.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Libia – Video sul massacro del 6 Novembre e sulle responsabilità della Guardia Costiera libica

Fonte: RoundRobin.info

Una settimana fa abbiamo avuto un’ennesima dimostrazione di come la Guardia Costiera libica non sia altro che il cane da guardia della Fortezza Europa, il cui compito non è di salvare i naufraghi ma quello di fare lo sporco lavoro di impedire ai migranti di lasciare vivi la Libia. La Guardia Costiera Libica attualmente viene addestrata dalla Forza Navale Europea, in base ad un accordo firmato dall’Ammiraglio Enrico Credendino e dal commodoro Abdalh Toumia, comandante della Guardia Costiera libica.

Il 6 novembre a 30 miglia dalle coste libiche in acque internazionali un Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Giornate di azione contro il vertice sulla migrazione: diario delle azioni

  Fonte: barrikade.info

Il 12 e il 13 novembre si incontrano a Berna i ministri responsabili per le politiche migratorie di diversi Stati (Gruppo di contatto del Mediterraneo centrale) per elaborare una strategia comune contro la migrazione. [aggiornamento: la giornata ufficiale per i lavori sarebbe domenica 13 novembre, a questo incontro sono state invitate anche l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (IOM), l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) e Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR).]

Proponiamo un riassunto, in ordine cronologico, di testi ed azioni in opposizione.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

La Svizzera e le persone eritree richiedenti l’asilo: rifiuto, rigetto e precarizzazione

Fonte: renversé.ch

Riportiamo un testo pubblicato in occasione di una manifestazione lanciata dalle comunità eritree in Svizzera contro la dittatura ed i rapporti diplomatici tra Berna ed il regime di Asmara, svoltasi il 10 novembre a Ginevra.

La Svizzera è il primo Stato europeo ad esigere che le/gli Eritree in esilio tornino nel loro paese di origine. Uno Stato dove il servizio militare non solo ha una durata indeterminata ma è anche sinonimo di schiavismo. Uno Stato dai cui confini è fuggito un quarto della popolazione. Quando sopravvivono alla traversata del deserto e a tutti i suoi pericoli, quando muoiono annegate nel Mediterraneo, quando riescono a fuggire al controllo militarizzato delle frontiere dell’Unione Europea1, quando finalmente raggiungono il territorio svizzero, le persone in esilio si trovano confrontate all’istituzione della diffidenza, la SEM (Segreteria di Stato alla Migrazione), che cerca con ogni mezzo di negare le ragioni che potrebbero permettere di ottenere accoglienza in Svizzera.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Bex (VD): un anno fa Hervé veniva ucciso dalla polizia

Fonte: renversé.co

Un anno fa, il 6 novembre 2016, Hervé Mandundu viene ucciso dalla polizia cantonale vodese. In seguito a questo dramma, oltre 1.000 persone partecipano ad una manifestazione con lo slogan “stop alla violenza poliziesca”, facendo da eco anche ad altre violenze poliziesche, come il pestaggio di Claudio da parte di agenti qualche giorno prima. Delle tematiche come il razzismo della polizia e la sua violenza ricevono così visibilità nel dibattito pubblico. Mentre la richiesta di giustizia e il diritto a conoscere la verità era una delle principali rivendicazioni della manifestazione, da allora le indagini sono andate avanti molto poco. Come sempre, le autorità prendono tempo quando si tratta di giudicare dei poliziotti, al fine di soffocare le dinamiche di solidarietà. Per evitare che questa storia cada nell’oblio, abbiamo incontrato i genitori di Hervé, la Signora ed il Signor Mandundu, per farci raccontare lo svolgimento dei fatti dal loro punto di vista, le loro speranze, i loro dubbi e le loro paure.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Lo Stato uccide, l’esempio di Lamine F.

Fonte: renversé.co

Questo testo è stato redatto sotto forma di discorso da una persona bianca del collettivo “Perce-frontière” (Buca-frontiere)

Al collettivo Perce-frontière preme innanzitutto porgere le più sincere condoglianze alla famiglia, agli/alle amici/che e ai/alle conoscenti di Lamine, il giovane uomo nero di 23 anni deceduto.

Se oggi siamo riunitx in strada è perchè la morte di questo giovane uomo nero è prevalentemente politica. Lamine ha infatti incontrato la morte mentre esercitava un diritto fondamentale, quello di poter circolare liberamente. Innanzitutto è stato vittima di un “racial profiling”1. Infatti mentre si trovava nei dintorni della stazione di Losanna è stato arrestato dalle guardie della violenza di Stato.

Quante persone bianche qui presenti sono regolarmente arrestate mentre svolgono le loro occupazioni quotidiane? Secondo me, nessuna. Questo non è un caso.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Torino – Tentata fuga e altre storie

Fonte: Macerie

Il cibo è una merda. Il più delle volte pranzo e cena vengono serviti marci al Cpr di c.so Brunelleschi. In molti decidono di non mangiarlo e di condividere quello dei pacchi di vettovaglie che arrivano da parenti e amici, in pochi si possono permettere di comprare qualche prodotto alimentare scegliendo dall’esosa lista che viene proposta.

Se non mangi la sbobba che ti servono, se non ti puoi permettere di acquistare altro – beh – tutti fattacci tuoi.

Qualche ragazzo arrivato dal Centro di Brindisi, trasferito nel capoluogo sabaudo a causa di lavori di ristrutturazione nel Cpr pugliese, dice che qui non si può permettere neanche di comprare il latte e che tutto dentro alle mura di c.so Brunelleschi ricorda la vita in catena di montaggio.

“Come in fabbrica sembra di stare qui! Vedi quasi sempre solo i lavoranti che fanno quello che gli dicono, i direttori e la polizia, e non si capisce mai come veramente funziona perché parli con questi che sono stronzi ma alla fine non contano un cazzo”. Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Decorati l’ETH e il campus Irchel

Fonte: barrikade.info

“Zurigo, 24.10.2017

Questa notte abbiamo abbellito l’ETH e il campus universitario Irchel.
Con questa azione vogliamo protestare contro ogni sperimentazione animale, specialmente contro la sperimentazione su scimmie programmata dal Dr. Mante.

Ogni anno muoiono in tutto il mondo centinaia di migliaia di esseri viventi senzienti per una metodologia di ricerca antiquata, inutile e non trasferibile sull’essere umano.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Nessuno spazio per gli assassini!

Fonte: barrikade.info

Giornate di azione dal 9 al 13 novembre contro il vertice sulla migrazione dei ministri dell’interno a Berna.

Lager d’internamento nel deserto

Il 12 e il 13 novembre verrà organizzato a Berna dalla Svizzera il terzo vertice del cosiddetto “Gruppo di contatto del Mediterraneo centrale” (Central Mediterranean Contact Group). A questo vertice, oltre a Simonetta Sommaruga, vi prenderanno parte i ministri dell’interno di Algeria, Francia, Libia, Mali, Malta, Niger, Austria, Ciad, Tunisia ed Estonia come rappresentate della Comunità Europea.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Ancora una persona morta nelle galere dello stato

Fonte: renversé.co

Il 24 ottobre un uomo di 23 anni muore nel centro di dentenzione della Blécherette a Losanna. Le cause della morte non sono ancora state stabilite, ma i media escludono già l’intervento di una terza persona. La polizia apre un’indagine, più per obbligo in queste circostanze che per fare chiarezza sui fatti. Dopo 3 giorni la polizia si rende conto che la persona arrestata non era in realtà quella che pensava. Si puó vedere come le indagini proseguano molto bene… in ogni caso per i/le detentori/trici del potere è già stato detto tutto. La polizia fa il suo lavoro, le prigioni funzionano normalmente e non bisogna perturbare le solide fondamenta del sistema penitenziario. Le ragioni di quest’ennesima morte in galera non ci interessano. Un giorno passato dentro è già un giorno di troppo, e bisogna considerare le carceri come quello che sono, il luogo dove si tenta di rompere gli/le individux recalcitranti, dove vengono isolatx, uccisx.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Patate israeliane: bio e da commercio equo. Veramente?

Fonte: renversé.co

Riportiamo questo articolo di BDS Svizzera sulla commercializzazione di patate bio israeliane nei supermercati Coop in Svizzera, pur non condividendone per forza tutte le posizioni. Oltre a fornire dati interessanti sul caso specifico dello sfruttamento umano ed ambientale ad opera dello stato israeliano sulla popolazione e la terra palestinese, questo articolo fornisce un buon esempio di come il capitalismo riesca ad auto-certificarsi come bio, eco e solidale, mantenendo intatta la sua vera natura sfruttatrice ed ecocida.
Patate israeliane, bio e da commercio equo. Veramente?
Da molti anni, in primavera, gli scaffali dei grandi distributori svizzeri propongono patate importate da Israele. Queste ultime sono prodotte nella parte occidentale del deserto del Negev, una regione che conta meno di 200 mm di precipitazioni l’anno.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Argentina: Santiago Maldonado vive!

Fonte: roundrobin.info

L’omicidio di Santiago Maldonado ha innescato una serie di azioni in Argentina. Santiago scomparve il 1 agosto, rapito dalla Gendarmeria, e il 20 ottobre fu confermato che il cadavere trovato apparteneva al nostro compagno Santiago Maldonado. Speriamo che i responsabili subiscano la peggiore vendetta possibile.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Ultime azioni dirette e sabotaggi in svizzera

Fonte: barrikade.info

Con questa rubrica vogliamo dare visibilità a notizie relative ad azioni dirette e sabotaggi che avvengono in svizzera ma che molto spesso non vengono pubblicate sui media ufficiali per far credere all‭’ “‬opinione pubblica‭” ‬che viviamo in una società completamente pacificata in cui i conflitti sociali sono cosa del passato,‭ ‬e per evitare di dare‭ “‬il cattivo esempio‭”‬.‭ ‬Riportando queste notizie e comunicati in italiano vogliamo spezzare questo silenzio,‭ ‬fornire spunti di riflessione,‭ ‬e rafforzare la solidarietà con chi si oppone con ogni mezzo necessario ad ogni forma di oppressione e al sistema capitalista nel suo insieme.‭

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Aggiornamento sulle perquisizioni del 5 ottobre

Fonte: barrikade.info

09/10/2017

Secondo le nostre informazioni il 5/10/2017 su ordine della procura di Basilea ci furono cinque perquisizioni domiciliari nei cantoni di Basilea città e di Zurigo.

In un caso la persona interessata fu trovata sul luogo e arrestata, negli altri luoghi le persone non erano presenti nel momento delle perquisizioni domiciliari. Giovedì, due persone andarono poi in procura. Anche queste furono temporaneamente arrestate, ma da venerdì pomeriggio tutte e tre sono di nuovo a piede libero.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Antifascismo negli Stati Uniti: scorrimento di un conflitto con testimonianza dalla California

Fonte: Redazione Rosso e Nera

Negli Stati Uniti i nazionalisti sono tornati allo scoperto. Il movimento Antifa ed altre forze militanti si stanno organizzando per contrastare il fenomeno tentando di scacciare la presenza neonazista dalle strade e dal panorama politico. Siamo stati ad una delle conferenze organizzate in alcune città svizzere, dove un militante antifascista in visita da oltre oceano ha fornito una descrizione informativa cronologica dello sviluppo del conflitto, tutt’ora in svolgimento. L’attenzione verrà posta in particolare sugli eventi che riguardano la zona della Baia di San Francisco, città definita dal compagno una sorta di “hotspot” dell’estrema destra statunitense. Dall’elezione di Donald Trump si sono verificati in particolare in questa regione diversi tentativi di “rally” (raduni) nazionalisti, contro i quali si sono presentate altrettante contro-manifestazioni di carattere antifascista. Il testo può presentarsi lungo nel suo insieme, questo può comunque essere sorvolato con gli occhi dedicandosi maggiormente ad alcune parti. Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Facciamo affondare gli architetti della repressione nel loro stesso cemento

Fonte: renversé.co

Nel canton Ginevra è stata indetta la gara di appalto per la progettazione del centro federale per richiedenti d’asilo (CFA) del Grand-Saconnex, come pure per i nuovi locali della polizia internazionale (PI), per il centro di cooperazione poliziesca e doganale (CCPD), e per il centro di detenzione amministrativa e di deportazione del Bois-Brûlé.

Sulla scia dell’indurimento del regime migratorio in svizzera (in particolare delle procedure accellerate o “fast track”) e nel contesto generale di una corsa verso una maggior “efficacia” in seno a tutte le istituzioni responsabili della gestione, del controllo e della repressione, nella città di confine di Ginevra nei prossimi anni dovrebbero sorgere delle nuove strutture repressive.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Ogni guardia rappresenta un confine

“e vincerà
Bang Bang
chi al cuore colpirà”
(Dalida)

Lo sbirro che ha sparato per tre volte contro il corpo di una persona sabato notte a Brissago, in uno dei tanti dispositivi di reclusione/marginalizzazione per migranti del Canton Ticino, ha difeso un confine.
La polizia e i confini nazionali uccidono, niente di diverso e niente di nuovo.
A causa e per mezzo dei confini si muore di fame, di guerre e di stenti, di stupri, di umiliazioni e di rabbia, per mari e deserti, nei camion o sui tetti dei treni, nei lager, per mano di sgherri e poliziotti a guardia di stati o in stati di guerra.
Si muore di polizia bianca, maschia, autoctona occidentale. Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

La polizia uccide a Brissago

Riceviamo e pubblichiamo un testo su quanto avvenuto a Brissago la notte tra il 6 e 7 ottobre.

La mattina di sabato 7 ottobre, in un palazzo di Brissago dove vivono delle persone richiedenti l’asilo in svizzera, un agente della polizia cantonale ha ucciso un uomo di 38 anni. La versione dell’accaduto trapelata sui media è che la polizia sarebbe stata chiamata sul posto verso le 2 del mattino da due inquilini, perché minacciati dall’uomo.

L’uomo sarebbe sbucato all’improvviso sul pianerottolo con in mano due coltelli all’arrivo degli agenti, uno dei quali, dopo avergli intimato l’alt, da due metri di distanza avrebbe sparato tre colpi all’altezza del torace. L’uomo ucciso, originario dello Sri Lanka ed in svizzera dal 2015, era in attesa di una decisione della SEM (Segreteria di Stato alla Migrazione) in merito alla sua domanda d’asilo. Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Hamburg, luglio 2017: una rivolta d’eccezione?

Riceviamo e pubblichiamo una riflessione sulle giornate di rivolta ad Amburgo del luglio scorso. Cogliamo l’occasione per diffondere la notizia della scarcerazione di Riccardo, un compagno arrestato durante il G20. Riccardo è stato scarcerato il 5 ottobre in seguito alla sentenza che lo ha condannato a 1 anno e 9 mesi con il beneficio della sospensione condizionale della pena.
Solidarietà ai/alle ribelli del G20! Libertà per tutti e tutte!

Hamburg – luglio 2017 – una rivolta d’eccezione?

Lo Stato, in qualsiasi luogo ed epoca, ha sempre esercitato il monopolio della violenza e modificato ripetutamente le leggi e il loro raggio di applicazione come meglio ha ritenuto opportuno e necessario.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Ogni politica migratoria è politica di segregazione e sfruttamento.

Autore: Collettivo zapatista lugano

Il caso dell’avanguardia svizzera.

“Le frontiere non sono più solo linee punteggiate sulle mappe e guardiole doganali, ora sono muraglie di eserciti e poliziotti, di cemento e mattoni, di leggi e persecuzioni. In tutto il mondo di sopra, la caccia all’essere umano si incrementa e si affanna in sporca concorrenza: guadagna chi più espelle, imprigiona, assassina”.

I muri sopra, le crepe in basso (a sinistra). Subcomandante Insurgente Moisés, Subcomandante Insurgente Galeano


Buon pomeriggio, compagne, compagni presenti al CIDECI.

Prima di tutto un forte abbraccio a tuttx coloro che sono statx colpitx o che hanno vissuto i pesanti terremoti di queste settimane. Ci hanno preoccupato parecchio i racconti degli amici e delle amiche, dei compagni e delle compagne di questo paese già duramente toccato dai morti e dai/dalle desaparecidos Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

5.10.2017 – Perquisizioni a Basilea, Zurigo e Winterthur

Fonte: Barrikade.info

Questa mattina sono state perquisite diverse case a Basilea, Zurigo e
Winterthur. Per il momento non possiamo dire niente sui motivi di queste
perquisizioni ed è possibile che ce ne saranno altre. Vi terremo
aggiornatx. Se hai subito o sei a conoscenza di perquisizioni segnalale
ad AntirepBasel all’indirizzo antirep-basel (at) riseup.net. Trovi la
chiave PGP sul sito web.

Posted in Generale | Leave a comment

Berna: manifestazione antifascista il 6 ottobre.

Fonte: reversé.co

Recentemente, degli episodi fascisti, razzisti e sessisti si sono accumulati a Berna e nei dintorni. Come antifascistx, pensiamo sia importante non voltarsi dall’altra parte, ma di fare di questi sviluppi un tema di discussione e di agire in maniera coerente. Per questo motivo, lanciamo una chiamata per una manifestazione antifascista rumorosa e colorata il 6 ottobre.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

Vernice a Herzog & de Meuron

30/09/2017

A Basilea le cose si muovono. Da mesi lx abitanti di alcune case minacciate d’abbattimento s’organizzano in vari modi contro la propria espulsione. Ma nella Mülhauserstrasse 26 dopo mesi di resistenza è iniziato l’infame ristrutturazione totale.

Vogliamo contribuire a queste lotte, per cui abbiamo imbrattato con la vernice la facciata e il giardino di Herzog & de Meuron. Negli ultimi anni l’impresa ha subito sempre nuovi attacchi – per motivi impellenti:
Herzog & de Meuron è un ufficio d’architettura attivo a livello globale con sede principale a Basilea e corresponsabile per l’iper-gentrificazione in tante piccole e grandi città. Anzitutto sarebbe da sottolineare la torre Roche a Basilea, che anche nei suoi dintorni portava a una “expatizzazione” dex vicinx (per es. al Burgweg) oppure la Elbphilharmonie ad Amburgo, dove a luglio dell’anno corrente lx capx di Stato del G20 ascoltavano la “Ode alla gioia” mentre fuori imperversava la lotta per la strada e migliaia resistettero con coraggio e senza paura alla supremazia sbirresca. Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment

30.09.2017 – Presidio Internazionale Contro Benetton

Fonte: mapucheit.wordpress.com

Un saluto a tutte/i,

Siamo la Rete in difesa del popolo Mapuche di Milano.

Il 1 agosto 2017 nel Pu lof en resistencia a Cushamen, comunità mapuche in Argentina, c’è stata una violenta irruzione senza mandato di oltre cento gendarmi, che sono entrati sparando pallottole di gomma e piombo nella comunità, ed hanno sequestrato un solidale, Santiago Maldonado. Da quella data, di Santiago non si sa nulla. Per settimane lo stato ha negato la sua responsabilità per quanto successo.

Il territorio nel quale Santiago è scomparso, per lo stato argentino è di proprietà del gruppo Benetton, in realtà è terra che lo stato ha strappato alle popolazioni indigene durante la conquista del deserto(1872-1884), genocidio finanziato da compagnie inglesi che, a fine invasione, hanno ricevuto enormi quantità di territorio che Benetton ha comprato negli anni ’90.

Più i giorni passano e maggiore risulta il coinvolgimento di Benetton nella sparizione di Santiago Maldonado.

Pertanto invitiamo individualità, gruppi, spazi a manifestare il giorno 30 settembre 2017 nei vostri territori, secondo le forme e modalità che voi sceglierete. Chiediamo cortesemente che nelle attività non vi siano bandiere di partito. Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment