Basilea: sabotaggio contro il progetto del campo federale al Grand Saconnex

Fonte: renverse.co

20.07.2018

I campi per sans-papiers si diffondono all’interno come all’esterno dell’Europa. In Svizzera, si stanno costruendo 20 nuovi centri federali per persone richiedenti l’asilo. Questo eufemismo non deve nascondere il loro carattere di gestione, di controllo e di isolamento, che non cessa di aumentare.

Al Grand Saconnex, vicino a Ginevra, è previsto un complesso di questo tipo (campo federale, polizia, guardie di confine, polizia internazionale). Progettando questo complesso, l’ufficio di avvocati “Berrel Berrel Kreutler” di Basilea e Zurigo partecipa a questo nuovo regime. La sua architettura di un’immaginazione senza limiti in realtà fa parte dell’architettura dei campi in Europa – universo freddo, brutale, persone in isolamento e tagliate fuori dagli/dalle altrx. Sono delle idee repressive colate nel cemento che spuntano dalla terra un po’ ovunque oggigiorno.

La settimana scorsa, abbiamo messo questo studio di architetti davanti alle proprie responsabilità rompendo i suoi vetri e taggando degli slogan sulla sua facciata.

Delle conoscenze di Aboubakar1

In solidarietà con tutte le persone che sono in lotta per raggiungere l’Europa”.

1Aboubakar è stato ucciso da un poliziotto il 3 luglio a Nantes

Fonte: https://renverse.co/Sabotage-contre-le-projet-de-camp-federal-au-Grand-Saconnex-1646

Sullo stesso argomento leggi anche:

Ginevra: verso un’accoglienza carceraria delle/dei migranti

Ristrutturazione dell’asilo: quello che sappiamo sui centri federali

Facciamo affondare gli architetti della repressione nel loro stesso cemento

Del letame contro gli architetti della prigionia

No al centro federale a Grand-Saconnex né altrove

 

 

Email this to someonePrint this pageShare on Facebook
This entry was posted in Generale. Bookmark the permalink.