Sabato 23 dicembre a Lugano: Corteo antirazzista, antifascista, anticapitalista e contro ogni frontiera

Riceviamo e diffondiamo:

Pace non cerchiamo. A guerre e razzismo ci ribelliamo!

Sabato 23 dicembre: Corteo antirazzista, antifascista, anticapitalista e contro ogni frontiera a Lugano. Ritrovo alle 14.00 in Piazza Molino Nuovo.

I SEGNI DI UNA PACE TERRIFICANTE – Provano a farci credere che va tutto bene…

  • A Brissago un poliziotto uccide un migrante in un assordante silenzio complice.

  • A Balerna un migrante muore fulminato sul tetto di un treno per sfuggire ai controlli delle guardie di confine.

  • A Camorino, in un “centro di accoglienza/bunker sotterraneo” la polizia e un securino torturano un richiedente l’asilo ammanettandolo a una doccia e minacciandolo per ore.

  • A Locarno un neonazista appartenente alla crew38 aggredisce e ferisce un ragazzo con la lama.

  • A Lugano, città piena di telecamere, polizia e securini, non puoi vendere rose per strada o chiedere l’elemosina perché la polizia perseguita, deruba, sequestra e picchia, mentre interi quartieri popolari vengono perquisiti in nome della sicurezza per difendere il lusso.

  • In tutto il Ticino se non hai la pelle bianca vieni fermata/o, perquisita/o, pestata/o, deportata/o da polizia e guardie di confine.

  • Mentre i partiti di destra fomentano il razzismo, i/le leader della sinistra progettano campi di concentramento per migranti e propongono deportazioni dall’aeroporto di Agno.

  • A Lugano il municipio leghista e il sindaco Borradori ricevono in pompa magna la criminale di guerra Tzipi Livni, con la partecipazione di politici di destra e sinistra. Prima di Trump è Borradori a proporre Gerusalemme come capitale dello Stato d’Israele.

  • La democrazia è illusione di partecipazione: gli interessi dello Stato, dei politici e del potere economico non vengono mai ostacolati. Siamo libere/i di scegliere solo ciò che ci impongono: chi votare e cosa comprare.

  • Nel clima imbecille del “prima i nostri”, arrivano prima soltanto lo sfruttamento, la perdita dei permessi e le espulsioni (ad esempio minori nati/e e cresciuti/e qui!) giustificate con precariati e licenziamenti!

  • Il Ticino è il primo cantone in Svizzera ad adottare la legge anti-burka, con giustificazioni razziste e islamofobe e a estendere la legge anti-hooligans anche per manifestazioni extra sportive.

  • In Ticino chiudono e reprimono qualsiasi idea ed espressione di libertà, di socialità e d’aggregazione. Dal bar allo stadio ai concerti tutto è controllato, pacificato, svuotato e commercializzato.

  • La scuola, sempre più allineata ai proclami delle destre nazionaliste, è una cinghia di trasmissione dello sfruttamento neoliberista. A Lugano si cavalca la speculazione edilizia per costruire il campus universitario più costoso ed elitario d’Europa.

  • Giornalist*, media locali e portali on line fomentano il clima d’odio e di paura, modificando e distorcendo i fatti e la realtà. In questo modo contribuiscono a creare insicurezza e giustificano uno stato securitario .

  • Imprese e società finanziarie svizzere devastano il pianeta per produrre montagne di merci inutili che riempiono le vetrine e fanno diventare i ricchi sempre più ricchi.

NONOSTANTE TUTTO QUALCUNO NON CI STA!

SAPPIAMO CHI PRODUCE INSICUREZZA E TERRORIZZA PER LE STRADE.

SAPPIAMO CHI CAVALCA XENOFOBIA E RAZZISMO PER I PROPRI TORNACONTI ELETTORALI E PER SOFFOCARE QUALSIASI ESPRESSIONE DI RIFIUTO.

SAPPIAMO CHE IL DECORO DI QUESTO CANTONE INFAME È SOLTANTO LA FACCIA BIANCA DI UNA BANDA DI UOMINI D’AFFARI, MASSONI E CAPITALISTI NOSTRANI.

PER TUTTI QUESTI MOTIVI E PER OPPORCI A QUESTA PACE TERRIFICANTE SCENDIAMO IN STRADA PER UNA CAMMINATA ANTIRAZZISTA, ANTIFASCISTA, ANTICAPITALISTA E CONTRO OGNI FRONTIERA.

CONTRO CHI VUOLE SPEGNERE LE ANIME IN RIVOLTA.

Email this to someonePrint this pageShare on Facebook
This entry was posted in Generale. Bookmark the permalink.