Proiettili di gomma svizzeri uccidono e acciecano in Francia

Fonte: renversé.co

Dall’edizione del 13 agosto de Le Temps apprendiamo che: «La maggior parte dei poliziotti francesi sono equipaggiati con LBD 40, fabbricati dall’impresa Brügger & Thomet con sede a Thun.» Questa società fornisce migliaia di proiettili di gomma alla Francia e le sue cifre d’affari sono duplicate negli scorsi due anni. Tutto va’ a gonfie vele dunque per questa piccola-media impresa elvetica modello.

Meno bene va a coloro che hanno la sfortuna di ritrovarsi sulla traiettoria di un colpo di LBD 40. Le Temps ricorda: «Dal 2004, i proiettili di gomma hanno fatto almeno due morti e 39 feriti gravi in Francia, di cui 21 accecati, stando a un rapporto dell’Ong “Action des chrétiens pour l’abolition de la torture” (ACAT) pubblicato nel maggio 2016. Tra le vittime si contano per un terzo minorenni, tra cui due bambini di nove anni.» Cifre che si spiegano facilmente per l’usanza ricorrente di sparare ad altezza uomo da parte degli sbirri francesi.

Strategia della paura “Swiss Made”

Fine 2016, un contributo sul sito Paris-Luttes.info presentava l’uso dei proiettili di gomma come una strategia della paura poliziesca:

“Queste violenze non sono delle irregolarità. Al contrario, rivelano la volontà di marcare nei corpi la forza di un’autorità. Il mantenimento dell’ordine non si limita alla gestione delle folle, ma deve produrre della paura; colui che si accascia deve servire da lezione a tutti gli altri.”

E questo scatenarsi della violenza statale, come molti altri scatenamenti simili nel mondo, trovano le proprie risorse nel cuore della Svizzera. Il paese che spicca al quindicesimo posto nella lista dei maggiori esportatori di armi al mondo..

PS.

Un’articolo preso da Au Taquet.

Nel 2015, in seguito alla morte di Rémi Fraisse, venne inviata una finta lettera a nome dell’azienda B&T, in cui era tematizzata la responsabilità dell’azienda nella morte del ragazzo.

Fonte: https://renverse.co/Des-flash-balls-suisses-tuent-et-eborgnent-en-France-1184

 

Email this to someonePrint this pageShare on Facebook
This entry was posted in Generale. Bookmark the permalink.