INIZIATIVE

k

 

20/21/22 gennaio 2017

No campi, no prigioni: weekend di informazione e discussioni

Flyer iniziativa Zurigo

Una lotta offensiva contro questo mondo di campi e prigioni necessita di un linguaggio, che non si nasconda dietro frasi politiche e vada oltre le cerchie abituali. Un linguaggio, che esprima solidarietà con altre persone oppresse in maniera militante senza degradarle al ruolo di soggetti. Un linguaggio che non consista di sole parole, ma che sia comprensibile anche attraverso le azioni.

Sabotiamo i campi federali!- Venerdì 20 gennaio, alle 20.00

Nei nuovi campi federali si sta progettando di isolare, sfruttare, e infine deportare in modo più efficiente 5000 persone. In questa presentazione vogliamo fornire una panoramica dei piani dello stato svizzero e alcune idee su come intralciarli. Inoltre, ci concentreremo sullo sfruttamento sistematico nelle prigioni e sulle aziende che lucrano su di esso.

Saluti da Bruxelles – Sabato 21 gennaio, alle 20.00

Alcune considerazioni sulle lotte contro le strutture della repressione.

Mentre le autorità stanno ancora temporeggiando sulle ultime serie di regolarizzazioni, dei gruppi di Sans Papiers stanno ancora tentando ottenere i documenti. Nel mentre di tutto ciò le loro organizzazioni di resistenza iniziano a collassare e alcunx politicanti di sinistra dormono sugli allori. Alcuni individui decidono di prendere nelle proprie mani la lotta contro un campo di detenzione per migranti. Con l’intenzione di rendere il campo di detenzione una tematica sociale, intravedono la possibilità di incontri nella posizione che si sono sceltx: l’azione diretta invece della delega. Qualche anno dopo e con un nuovo bagaglio di esperienze, nasce un nuovo movimento contro le maxi prigioni. In questa presentazione verrà presentata una panoramica degli eventi passati che hanno caratterizzato questi momenti, le difficoltà incontrate, e quello che ne rimane.

Bleiberecht Soli-Café – Domenica 22 gennaio, 17.30.
Cibo-bevande-discussioni.

Dove: Kernstrasse 14, 8004 Zürich

Venerdì e sabato cena vegan dalle 18.00.

 

24/25/26 novembre 2016

3 giorni di incontri e discussioni contro ogni frontiera e tutti i razzismi

L’estate è finita, e con l’arrivo del freddo il numero di persone che tenta di varcare il confine meridionale della Svizzera diminuisce, con una conseguente minore attenzione mediatica sulla questione. I campi auto-organizzati vengono sgomberati, le/i migranti vengono distribuitx come merce nei vari lager e la repressione cerca di scoraggiare le/i compagnx solidali tramite le sue numerose misure restrittive.

Le frontiere sono però tutt’ora presenti, la devastazione e i saccheggi nelle terre a sud del mondo continuano, le guerre sono ancora fomentate dai paesi occidentali e i loro business, le persone non considerate degne di poter varcare i confini ed attraversare i paesi della fortezza Europa vengono perseguitate e deportate.

Vogliamo proporre due serate di presentazioni, discussioni ed analisi sulle esperienze riguardanti la lotta contro ogni frontiera ed in solidarietà alle persone migranti presenti in varie parti della Svizzera e al confine di Como-Chiasso

La lotta contro ogni frontiera non si arresta!

Le frontiere non vanno aperte ma distrutte!