INIZIATIVE

CALENDARIO INIZIATIVE ALLO SPAZIO EDO (c/o CSOA Il Molino, Viale Cassarate 8, Lugano).

Giovedì 29 marzo

19:00 cena vegan

20:30 presentazione del libro “Lavoro? No, grazie!” di Alberto Tognola con l’autore.

Questo libro si affida all’arma della provocazione, per demolire il dogma del lavoro, base dell’economia produttrice di merci. Il “cambio di mentalità” potrebbe essere indotto dal doverci confrontare con l’assurdità di un’obiettivo esistenziale – il lavoro – perseguendo il quale manchiamo l’incontro con la vita.

Giovedì 12 aprile

dalle 18:30 mostra “OGM sempre sotto pressione”

19:00 cena vegan

20:30 presentazione sugli OGM

Informazioni sulla situazione degli OGM in Svizzera e riflessioni sulle strategie di lotta.
In Svizzera, il paese “più democratico del mondo”, la coltura di OGM è provvisoriamente impedita da una moratoria, ma la ricerca biotecnologica continua ad avanzare. Di fronte a una ricerca scientifica sempre più incalzante e imperante, un campo sperimentale a cielo aperto ultra-securizzato e un’opposizione molto istituzionalizzata, come organizzarsi? Discussione basata sull’esperienza del gruppo LUPIN (lotta contadina contro l’industrializzazione) e di altre iniziative indipendenti.

Giovedì 19 aprile. Rassegna di film trans-femminista-queer

20:30 “Suffragette” (Regno Unito, 2015, originale inglese sottotitolato in italiano, 106min)

Londra, 1912. La storia di un gruppo di donne che impiegò l’azione diretta ed il sabotaggio nella lotta per i propri diritti, scontrandosi con la repressione dello stato e il sessismo della società.

Durante il film pop corn a go-go. A seguire discussione.

Giovedì 26 aprile. Rassegna film trans-femminista-queer

20:30 “A question of silence” (Paesi Bassi, 1982, originale olandese sottotitolato in italiano, 92min)

Tre donne, che non si conoscono, si trovano in un negozio di abbigliamento. Una di loro sta rubando dei vestiti, quando il proprietario se ne accorge… Considerato fortemente controverso alla sua uscita negli anni ’80, il film è diventato un classico del cinema femminista.

Durante il film pop corn a go-go. A seguire discussione.

Venerdì 27 aprile

19:00 cena vegan.

20.30 Presentazione del libro Rote Zora – Guerriglia Urbana Femminista (Autoproduzione femminista, 2018).
Rote Zora è una rete di gruppi di donne e lesbiche che ha portato avanti
azioni femministe di guerriglia urbana nella Repubblica Federale Tedesca dagli anni ’70 agli anni ’90. Le loro parole ci arrivano oggi con la stessa potenza del fuoco dei loro sabotaggi.

21.30 Laboratorio di approfondimento tra donne, lesbiche e trans*.
A partire dalla lettura di stralci del libro, un momento di discussione
collettiva per trasformare insieme questa pubblicazione in uno strumento per rilanciare la lotta al patriarcato.

Giovedì 3 maggio. Rassegna film trans-femminista-queer

20:30 “Una mujer fantástica” (Cile, 2017, originale spagnolo sottotitolato in italiano, 104 minuti). Santiago del Cile. Orlando, un ultracinquantenne imprenditore tessile, ha una soddisfacente relazione con Marina e intende festeggiarne il compleanno con un viaggio alle cascate di Iguazu. La sera della
ricorrenza ha un malore in seguito al quale cade dalle scale di casa…

Durante il film pop corn a go-go. A seguire discussione.

_________________________________________________________

– SPAZIO EDO // CONTROINFORMAZIONE, CONFRONTO, LOTTA

Aperto ogni giovedì dalle 18:30 alle 22:00 (o ad oltranza) e spesso durante le iniziative che si svolgono al Molino.

Nell’era del bombardamento dell’informazione e dell’appiattimento di ogni visione critica sentiamo il bisogno di avere momenti e spazi in cui ci si possa fermare ad approfondire, discutere, confrontare, ragionare e sviluppare una propria idea, senza rimanere in superficie delle questioni.

Allo Spazio Edo puoi trovare libri, riviste, opuscoli e scritti editi allo scopo di affinare il pensiero critico contro ogni dominio e oppressione, in contrapposizione con la logica del business dell’informazione che vende informazioni con lo scopo di produrre profitto.

Qui è reperibile materiale riguardante: lotte contro le frontiere, anarchismo, antifascismo, liberazione animale e della Terra, zapatismo, femminismo/queer, anticarceraria, antirazzismo, lotte indigene e contro il colonialismo (Kurdistan, Palestina, America Latina…), critica alla tecnologia.

Vengono inoltre organizzate presentazioni di libri, proiezioni di film, documentari, discussioni e serate benefit per differenti lotte. Vuole essere una piattaforma dove costruire iniziative e lotte sul territorio.

Uno spazio, in una città dove impera il dio denaro, in cui poter passare una serata tranquilla davanti alla stufa godendosi un buon libro o una semplice chiacchierata, sorseggiando una bevanda calda senza dover mettere mano al portafoglio.

Per affilare le nostre armi e puntarle contro le istituzioni e le autorità che ci opprimono ogni giorno, per cospirare contro un sistema basato su devastazione, saccheggi e sfruttamento, per la libertà di tutte e di tutti.

SPAZIO EDO, CSOA Il Molino, Viale Cassarate 8, Lugano.

Apertura: ogni giovedì dalle 18.30 alle 22.00 e spesso nei weekend in concomitanza con le iniziative che si svolgono al CSOA Molino.

Contatto Spazio Edo: spazioedo@riseup.net

Aggiornamenti e iniziative pubblicate anche sul blog di controinformazione: frecciaspezzata.noblogs.org


24-25 novembre: serate di discussioni, proiezioni e musica contro il sistema carcerario al CS()A Molino a Lugano:

VENERDÌ 24 NOVEMBRE

19.30: cena vegana.

21.00: proiezione di “13th”
(regia di Ava Du Vernay, stati uniti, 2016, durata 100min, in lingua originale inglese sottotitolato in italiano). Il documentario ripercorre la storia e gli sviluppi dell’istituzione carceraria dall’”abolizione della schiavitù” al giorno d’oggi, focalizzandosi sulle intersezioni tra razzismo, sistema penale e carcerazione di massa nelle prigioni statunitensi, con particolare attenzione alla privatizzazione del settore e allo sfruttamento lavorativo dei/delle detenute/i ad opera di imprese private e dello Stato.
La schiavitù è stata davvero abollita? A seguire discussione.

SABATO 25 NOVEMBRE

17.30: “Sorvegliate/i e rinchiuse/i”:
presentazione con alcune compagne della svizzera tedesca sulle ultime modifiche del sistema carcerario in svizzera.
Mentre in passato le donne non sposate venivano imprigionate perchè accusate di vivere una vita senza regole, oggi gli algoritmi generati dai computer determinano i “rischi di recidiva” e la durata delle pene. Il sistema è sempre più incentrato sulla prevenzione e la sorveglianza — non solo per punire ma anche per “curare”. Questi sviluppi meritano la nostra critica ed il nostro rifiuto tanto quanto il sistema giudiziario nel suo insieme. Nella presentazione verrà affrontata anche la tematica dello sfruttamento lavorativo delle persone detenute e di chi lucra su di esso, nell’ottica di una critica radicale alla prigione e al capitalismo.

20.30: cena vegana.

Dalle 23.00: seratona minimal con dj Halok e a seguire dj set Molino sound!!!

Serate benefit per prigioniere/i anarchiche/ci.

Per il volantino clicca qui.


18.11.2017 – alle ore 16:30 presso la sede del Circolo Carlo Vanza in Via Convento 4 a Bellinzona:

presentazione del libro curato e tradotto da Carlotta Pedrazzini

UN SOGNO INFRANTO. RUSSIA 1917
Scritti editi e inediti di Emma Goldman
(edizioni zero in condotta, Milano 2017)

Emma Goldman (1869-1940) è stata una delle esponenti più influenti del
movimento anarchico statunitense e un’importante protagonista del movimento femminista.
Espulsa dagli USA nel gennaio 1920 raggiunse la Russia, rimanendovi due anni. Più che a sufficienza per modificare la sua opinione su questa rivoluzione: senza traccia di autodeterminazione, libertà, potere ai soviet, ma il dominio totale del partito bolscevico. Il sogno si era trasformato in un orribile incubo. Dopo la Russia fu costretta a cambiare spesso residenza in vari Paesi europei.

Seguirà rinfresco.

Per maggiori informazioni: https://circolovanza.wordpress.com/2017/11/09/un-sogno-infranto-russia-1917-scritti-di-emma-goldman-18-11-2017/


18.11.2017 – Serata Rock benefit per le prigioniere e i prigionieri anarchici al CSOA il Molino di Lugano

18:00 – Aggiornamenti sulle ultime operazioni repressive in Italia.

20:00 – Cena Vegan

21:15 – Concerti

Von Zippen – Sleaze Rock

Goldenleaf – Rock

Per vedere il volantino: https://www.inventati.org/molino/18-11-2017-serata-rock-benefit-le-prigioniere-prigionieri-anarchici/


14.09.2017 – Presentazione del libro MARIA NIKIFOROVA: LA RIVOLUZIONE SENZA ATTESA
edizione el Rusàc
Ore 20.00

Quando mi sono approcciata alla storia della rivoluzione del 1917 in Russia,ho come avuto l’impressione di aprire una successione di scatole di bambole russe, dove ogni matriosca rivelava nuove realtà. A scuola, in due paragrafi mi avevano insegnato l’ascesa irresistibile dei bolscevichi. La morale era chiara: la rivoluzione non può che dispotismo della peggior specie. Si scopriva invece una situazione complessa, in cui numerosi uomini e donne -tra cui degli anarchici- si erano lanciati anima e corpo per realizzare il loro sogno di libertà, contro le truppe austro-tedesche, i bianchi, i nazionalisti e i vari partiti rivoluzionari autoritari.

Spazio Edo – CSOA Il Molino – Viale Cassarate 8, Lugano


Settimane d’azione e corteo per la liberazione di Nekane
Dal 16 al 30 settembre settimane di azione per la liberazione di Nekane. Sabato 30 settembre corteo a Zurigo con pullman anche dal Ticino. Per riservazioni e informazioni: nekane.libera@inventati.org

Leggi gli ultilmi aggiornamenti dal Gruppo Nekane Libera: https://frecciaspezzata.noblogs.org/post/2017/08/28/settimana-dazione-e-corteo-per-la-liberazione-di-nekane/

Sito della campagna di supporto: freenekane.ch


26.5.2017 – Iniziativa antifascista – Fascisti, nazisti e altri razzisti in Svizzera Tedesca.

La presentazione vuole dare una breve sintesi dei gruppi razzisti e xenofobi presenti in Svizzera tedesca: quali sono le loro strategie e raggi di azione e quali mezzi sono a disposizione del movimento antifascista per contrapporsi e lottare contro di essi. Chi sono le organizzazioni che dominano il panorama elvetico di estrema destra?Quali sono i loro esponenti principali e  come mettergli i bastoni fra le ruote? A seguire un contributo sulla situazione in Ticino.

Dove: Csoa il Molino – Spazio Edo


12.5.2017 – Serata Informativa sulle lotte in Kurdistan

19:00 Cena vegan
20:30 L’esperienza di una compagna che ha visitato il Rojava e i gruppi internazionalisti. Aggiornamento sulla situazione in Kurdistan con il compagno Recep Akkamis.

Dove: Spazio Edo – Csoa il Molino


13.05.2017 – Mapuche: La Resistenza Anticapitalista

Serata informativa sulle lotte del Popolo Mapuche
Iniziativa benefit per la comunità Mapuche Nanco in recupero territoriale.
19:00 Cena vegan
Banchetto informativo,  in sostegno al Popolo Mapuche
Mostra fotografica “TAIN WEICHAN” = La nostra lotta
Proiezione documentario: Comunità in Resistenza Narciso Ñanco  (15 min)
Collegamento dal territorio Mapuche con una compagna della Rete Internazionale in Difesa del Popolo Mapuche.
Il dibattito tratterà delle devastazioni delle multinazionali in territorio Mapuche, la legge antiterrorista di Pinochet, i prigionieri politici Mapuche.

Dove: Spazio Edo – Csoa il Molino



Domenica 2 aprile 2017 –  Csoa il Molino – Pranzo popolare e torneo di scopa

L’Infoshop Spazio Edo riapre dopo una risistemazione del locale con nuove aggiunte di materiali (libri, volantini, opuscoli, adesivi). Un momento per poter sfogliare gli ultimi aggiornamenti, confrontarsi e lottare per un mondo senza gabbie ne confini.

12:30 Pranzo popolare vegan (gradita la conferma di presenza all’e-mail freccia@tracciabi.li)

14:00 Torneo di scopa a coppie

Iniziativa di autofinanziamento a sostegno delle lotte contro le frontiere e il razzismo.


20/21/22 gennaio 2017 No campi, no prigioni: weekend di informazione e discussioni

Flyer iniziativa Zurigo

Una lotta offensiva contro questo mondo di campi e prigioni necessita di un linguaggio, che non si nasconda dietro frasi politiche e vada oltre le cerchie abituali. Un linguaggio, che esprima solidarietà con altre persone oppresse in maniera militante senza degradarle al ruolo di soggetti. Un linguaggio che non consista di sole parole, ma che sia comprensibile anche attraverso le azioni.

Sabotiamo i campi federali!- Venerdì 20 gennaio, alle 20.00

Nei nuovi campi federali si sta progettando di isolare, sfruttare, e infine deportare in modo più efficiente 5000 persone. In questa presentazione vogliamo fornire una panoramica dei piani dello stato svizzero e alcune idee su come intralciarli. Inoltre, ci concentreremo sullo sfruttamento sistematico nelle prigioni e sulle aziende che lucrano su di esso.

Saluti da Bruxelles – Sabato 21 gennaio, alle 20.00

Alcune considerazioni sulle lotte contro le strutture della repressione.

Mentre le autorità stanno ancora temporeggiando sulle ultime serie di regolarizzazioni, dei gruppi di Sans Papiers stanno ancora tentando ottenere i documenti. Nel mentre di tutto ciò le loro organizzazioni di resistenza iniziano a collassare e alcunx politicanti di sinistra dormono sugli allori. Alcuni individui decidono di prendere nelle proprie mani la lotta contro un campo di detenzione per migranti. Con l’intenzione di rendere il campo di detenzione una tematica sociale, intravedono la possibilità di incontri nella posizione che si sono sceltx: l’azione diretta invece della delega. Qualche anno dopo e con un nuovo bagaglio di esperienze, nasce un nuovo movimento contro le maxi prigioni. In questa presentazione verrà presentata una panoramica degli eventi passati che hanno caratterizzato questi momenti, le difficoltà incontrate, e quello che ne rimane.

Bleiberecht Soli-Café – Domenica 22 gennaio, 17.30.
Cibo-bevande-discussioni.

Dove: Kernstrasse 14, 8004 Zürich

Venerdì e sabato cena vegan dalle 18.00.


24/25/26 novembre 2016

3 giorni di incontri e discussioni contro ogni frontiera e tutti i razzismi

L’estate è finita, e con l’arrivo del freddo il numero di persone che tenta di varcare il confine meridionale della Svizzera diminuisce, con una conseguente minore attenzione mediatica sulla questione. I campi auto-organizzati vengono sgomberati, le/i migranti vengono distribuitx come merce nei vari lager e la repressione cerca di scoraggiare le/i compagnx solidali tramite le sue numerose misure restrittive.

Le frontiere sono però tutt’ora presenti, la devastazione e i saccheggi nelle terre a sud del mondo continuano, le guerre sono ancora fomentate dai paesi occidentali e i loro business, le persone non considerate degne di poter varcare i confini ed attraversare i paesi della fortezza Europa vengono perseguitate e deportate.

Vogliamo proporre due serate di presentazioni, discussioni ed analisi sulle esperienze riguardanti la lotta contro ogni frontiera ed in solidarietà alle persone migranti presenti in varie parti della Svizzera e al confine di Como-Chiasso

 

 

 

 

 

Email this to someonePrint this pageShare on Facebook